domenica 8 aprile 2018

Successo e partecipazione per la prima settimana di promozione della Candonga Fragola Top Quality®presso Fico Eataly World


La fragola CandongaTop Quality® festeggia la primavera portando il suo profumo e colore intenso presso la bottega dell’ortofrutta il Pomo, e facendo conoscere le sue peculiarità al pubblico di Fico Eataly World dal 26 marzo al 15 aprile.
Maurizio Marioloni, amministratore delegato del Pomo, esprime piena soddisfazione per il successo ottenuto dalla Candonga Fragola Top Quality® nella prima settimana di presenza aFICO: “la prima settimana ha registrato vendite molto positive a riprova che il consumatore finale apprezza il prodotto di altissima qualità.Siamo orgogliosi di ospitare CandongaFragola Top Quality® presso il nostro punto venditaauspicando che la sua presenza possa diventare un appuntamento fisso per i prossimi anni. Un ringraziamento speciale a Carmela Suriano per la sua grandissima disponibilità”.
Carmela Suriano, CEO del Club Candonga®, commenta la prima settimana di presenza del brand Candonga Fragola Top Quality® a FICO: “Fico è il più grande parco agroalimentare del mondo, dove sono presenti le eccellenze dell’ortofrutta italiana; il contesto ideale dove far conoscere la fragola Candonga Top Quality®, coltivata solo in Basilicata da produttori riuniti nel Club Candonga®. Un’esperienza molto positiva quella di FICO che conferma il gradimento da parte dei consumatori per una fragola unica per caratteristiche organolettiche e provenienza. Il nostro claim“Dal Sole della Basilicata” rimarca l’unicità della Candonga Fragola Top Quality®prodotta contecniche colturali sostenibili e rispettose dell’ambiente, in una regione caratterizzata da un clima mite e terreni fertili”.
Inoltre la fragola si può apprezzare anche in cucina grazie alla collaborazione con alcuni punti ristoro che propongono ai loro clienti le pietanze preparate con la fragola Candonga Top Quality®: Il ristorante vegetariano Il Giardino propone all’interno del suo menù il “Risotto alla fragola”, mentre presso l’Osteria dei Borghi è possibile assaggiare la “Cheescake alle fragole con crema di fragole” e presso il ristorante Bell’Italia viene servita la “Zuppa fredda di fragola Candonga con gelato di crema alla bolognese e ristretto al balsamico”. Tre modalità diverse per apprezzare la dolcezza ed il gusto intenso di una fragola di qualità.
Informazioni di prodotto

Candonga Fragola Top Quality® è il marchio commerciale della varietà Sabrosacoltivata da un selezionato numero di produttori riuniti nel Club Candonga®. Terreno, clima e acqua, insieme al rigido Manuale di Qualità che impone metodi a basso impatto ambientale e costanti controlli qualitativi, la rendono unica. Raccolta, selezione e confezionamento sono eseguiti scrupolosamente a mano per preservarne bellezza, profumo e sapore. Il risultato è un prodotto con caratteristiche uniche: una forma conica allungata, un colore rosso brillante, calibro medio-grande e un profumo pieno e avvolgente.

sabato 31 marzo 2018

Asm: 1 milione di euro per rianimazione di Policoro


“Saranno appaltati entro l’estate i lavori di ammodernamento dell’Utic e Rianimazione del PO di Policoro. L’obiettivo è avere spazi più ampi e moderni. Stamani ha ottenuto il disco verde il progetto esecutivo di rimodulazione  organizzativa, che prevede la ricollocazione e l’ampliamento delle superfici dell'Utic sul secondo piano, oltre alla riqualificazione e all’ampliamento dei locali della rianimazione ubicati al pian terreno”. Lo ha comunicato l’ufficio stampa dell’ASM (Azienda Sanitaria Matera). “L’investimento complessivo – prosegue la nota - è di circa 1 milione di euro (interamente  finanziati dalla Regione Basilicata) e si concentrerà, oltre che sui locali di Utic e rianimazione, sull'adeguamento dell'impiantistica e del comfort alberghiero.  Questo intervento si aggiunge ai previsti lavori di riqualificazione del  Pronto Soccorso di Policoro”. “Come sempre, l'Azienda – si legge nella nota - parla per  atti concreti. Dopo una prima fase di studio, e grazie al sostegno della  Regione Basilicata, l'ospedale di Policoro avrà nei prossimi mesi un'Utic e una rianimazione modernissime. Di cui potranno beneficiare i cittadini della fascia jonica ed i molti turisti che d'estate affollano le nostre coste”.

L’IC2 di Policoro incontra la Marina Militare di Taranto


POLICORO - Il 27 marzo, le classi 5 della primaria e una classe prima della secondaria dell’IC2 “Giovanni Paolo II” di Policoro, accompagnate dai rispettivi docenti, hanno ospitato con interesse ed con entusiasmo la campagna nazionale sull’educazione ambientale promossa dalla Marina Militare e il MIUR.
A rappresentare la Marina il Capitano di Vascello, Rosa D’Arenzio, accompagnata da un suo collaboratore, entrambi hanno dato vita ad una lezione improntata sull’importanza del patrimonio marittimo e come l’uomo può impegnarsi in futuro per non aumentare le azioni negative che spesso portano alla distruzione di habitat naturali danneggiando sia la fauna che la flora presente in mare.
I ragazzi hanno partecipato con interventi pertinenti all’argomento trattato e hanno compreso che il rispetto di alcune norme possono essere di vitale importanza per la biodiversità in mare e in terra.
A dare un saluto di benvenuto ai militari il sindaco della città di Policoro, il dott. Enrico Mascia, nonché Ammiraglio in pensione della Marina Militare, che con piacere ha accolto questa campagna di sensibilizzazione verso le future generazioni.

La dirigente dell’IC2 di Policoro, la prof.ssa Maria Carmela Stigliano, ha approvato con plauso questo interessante progetto per la scuola, in quanto gli studenti hanno avuto una buona occasione di studio del mondo marittimo e, inoltre, hanno potuto apprendere delle buone pratiche a favore dell’ambiente costiero in cui loro stessi vivono.

ANFFAS POLICORO: OPEN DAY PER I 60 ANNI DELL’ASSOCIAZIONE


Si è svolto a Policoro l’Open Day 2018 di Anffas Onlus. Il sessantesimo anniversario dalla sua nascita, che sarà celebrato con una serie di iniziative ed eventi che copriranno l’intero anno. Le circa mille strutture Anffas Onlus distribuite sul territorio nazionale organizzeranno molteplici iniziative. Lo rendono noto gli organizzatori. “Seminari, proiezioni, convegni, spettacoli e tante altre manifestazioni volte a diffondere la cultura dell’inclusione sociale e della non discriminazione, attraverso la partecipazione attiva delle persone con disabilità, degli associati, degli operatori, dei volontari e di tutti coloro che operano in Anffas. Lo scopo è quello di portare all’attenzione delle varie comunità i tanti nuovi progetti, che coinvolgono direttamente persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo”. La sede di Anffas Policoro, in via Fellini 41, resterà aperta dalle 9.00 alle 19.00 di mercoledì 28 marzo, per accogliere tutti coloro che vorranno conoscerne le attività e i progetti. “Noi di Anffas Policoro – spiegano i volontari dell’associazione - organizzeremo in mattinata due laboratori, uno di pedagogia creativa e l’altro di arteterapia, con i ragazzi dei due Istituti comprensivi (Giovanni Paolo II e Lorenzo Milani di Policoro), per promuovere l'inclusione dei ragazzi speciali all'interno del gruppo classe. Nel pomeriggio terremo un laboratorio di manufatti e infine un momento di ringraziamento a tutti coloro che hanno fatto una donazione a nostro favore. L’obiettivo è quello di sensibilizzare e informare coloro che vorranno venire a trovarci sui temi delle disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo.” “Diffondere una nuova cultura della disabilità - prosegue la nota - significa anche portare le persone a superare lo stigma nei confronti delle persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, che erroneamente le vede come persone passive e con limitazioni, bisognose solo di compassione e servizi di assistenza, e a volte addirittura come un peso”. “In occasione degli eventi legati al sessantennale di Anffas Onlus – concludono i volontari - sarà possibile ripercorrere la nostra storia e quella delle persone con disabilità e delle loro famiglie, e avere un confronto e un contatto diretto con le comunità ed i territori in cui le nostre numerose associazioni operano in tutta Italia. Il coinvolgimento pieno dell’intera collettività consentirà di contrastare gli stereotipi, i pregiudizi e le discriminazioni che purtroppo ancora oggi accompagnano le persone con disabilità, in particolare quelle con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo, e rappresenterà un tassello in più nella costruzione di una società inclusiva che non discrimina nessuno e garantisce a tutti pari opportunità, nel pieno rispetto dei nuovi paradigmi culturali introdotti dalla Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con Disabilità.”

Arrestato Paolo Castelluccio


POLICORO - Sabato 24 marzo la Polizia di Matera ha arrestato il consigliere regionale di centro destra, Paolo Castelluiccio (NcI), per stalking.

500 Candonga Fragola Top Quality® Point in tutt’Italia


POLICORO - Il Club Candonga®, il consorzio lucano impegnato nella produzione della varietà Sabrosa a marchio Candonga Fragola Top Quality®, seleziona 500 Candonga® Point tra le frutterie di tutt’Italia. Gli amanti della nostra fragola, unica per proprietà organolettiche e provenienza, possono trovare i punti vendita autorizzati sul sito http://www.candonga.it/. I Candonga® Point, caratterizzati da un espositore dedicato, una vetrofania e degli apprendimenti colorati e informativi, consentono ai consumatori di trovare fragole sempre fresche da gennaio a giugno. I Candonga® Point sono riforniti quotidianamente dai grossisti dei mercati generali italiani che ricevono la produzione direttamente dai soci del Club Candonga® dopo solo 12-14 ore dalla raccolta, grazie ad una logistica efficiente ed integrata. Il progetto nasce dalla volontà di stabilire un rapporto diretto con i nostri consumatori finali che apprezzano la Candonga Fragola Top Quality® per varietà e provenienza e offrire un supporto pubblicitario alla vendita dei dettaglianti. Freschezza e qualità superiore caratterizzano la Candonga Fragola Top Quality® prodotta con amore dai soci del Consorzio. Coltivata nella pianura del Metapontino con tecniche di produzione sostenibili, la fragola Candonga Top Quality® si distingue per la bellezza dei suoi frutti di forma conica e colore brillante, per la polpa soda e aromatica ed elevate proprietà organolettiche. Alcune delle sue proprietà sono: 27 Kcal per 100 g (perciò indicata nelle diete ipocaloriche e ipoglicemiche), un elevato contenuto di vitamina C, potassio e fibre. La fragola del Club Candonga® è disponibile in tutti i Candonga® Point e dal 26 marzo al 15 aprile è possibile degustarla al Fico Eataly World, presso la frutteria il Pomo e lo store Eataly World.

domenica 25 marzo 2018

Policoro Pagmatica su situazione politica nel Palazzo di città


“Immobilismo che genera caos, non si tratta di un nuovo ossimoro ma è quanto accade da diversi mesi nella città di Policoro.”
A sostenerlo, in una nota, il gruppo Policoro Pragmatica.
" La sensazione - si legge nel comunicato- che continua a perdurare, è che la città sia ferma allo scorso maggio, quando a guidarla era la precedente amministrazione Leone poichè a tutti gli effetti l’attuale amministrazione risulta ancora non pervenuta.
Ad oggi non è ancora chiara la visione politica che i nostri amministratori  hanno di Policoro, la triste percezione che si ha in questo clima amorfo è che le varie “repubbliche autonome” che si sono formate all’interno dell’amministrazione Mascia viaggino ognuna per conto proprio, generando caos alla macchina amministrativa, infatti le “linee guida” che la politica dovrebbe dare, vengono impartite da singoli consiglieri e non attraverso atti d’indirizzo veri e propri. A farne per primi le spese, sono i dipendenti comunali che  vengono “strattonati” dalle varie anime dell’amministrazione,  modus operandi che non fa altro che creare ulteriori problemi ai vari uffici. Non si corre ai ripari a favore di reparti importanti e strategici come quello del corpo di Polizia Municipale che ormai per pensionamenti e malattie è ridotto ai minimi storici e il risicato organico sta facendo enormi sacrifici per continuare a garantire i servizi essenziali, e tutto questo dopo che in campagna elettorale, dai palchi, qualcuno prometteva “quando saremo eletti prevedremo turni notturni per i vigili”. Anche i nuovi lavoratori presenti grazie al progetto regionale “reddito minimo di inserimento” non vengono utilizzati al meglio perché ostaggi di disposizioni sparigliate dettate da chiunque, tanto da far correre ai ripari il Sindaco Mascia,  chiamato in causa dagli stessi che accusavano le difficoltà di “prendere ordini” da chi non è titolato a farlo. Sembrerebbe,infatti, che il primo cittadino abbia rassicurato gli stessi (purtroppo con molto ritardo) che d’ora in avanti le disposizioni e il coordinamento arriveranno solo dal responsabile del verde pubblico nonché dell’autoparco.
E nonostante questa inerzia, la stessa amministrazione è pronta nel prossimo bilancio a salassare la città con ingenti aumenti delle tariffe comunali come la TARI,  anche in questo caso dai palchi si  prese in giro la città, promettendo diminuzione di tariffe. Sono ancora nei ricordi di tutti, le urla dal palco dell’attuale consigliere Benedetto Gallitelli che accusava l’amministrazione Leone di aver alzato le tasse.

Alla luce di tutto questo Policoro Pragmatica chiede al Sindaco Mascia di “salire in cattedra” e di far capire alla città dove vuole condurla nei prossimi anni e di spiegare una volta per tutte cosa significa “Tutta un’altra storia” e chiediamo allo stesso, dall’alto della sua indiscussa integrità morale, di non doversi mai più umiliare giustificando un modo di fare che di certo non gli appartiene come purtroppo ha dovuto fare in questi giorni con le fantomatiche “donazioni”.
E visto che ultimamente vanno di moda citazioni sulla navigazione, anche noi concludiamo questa nota dedicando all’ammiraglio Mascia una frase di Ragnar Lothbrok “E’ giusto navigare con la speranza e con il coraggio, ma è ancora meglio navigare con la coscienza” .

Edilizia pubblica, Castelluccio: servono risorse finanziarie

Il vice presidente del Consiglio regionale denuncia “le condizioni di grave degrado in cui versano gli alloggi Ater a Policoro e in provincia di Matera”
“Le condizioni di grave degrado in cui versano gli alloggi Ater di Policoro, di cui mi sono occupato con varie iniziative istituzionali e così come segnalato in questi giorni dai consiglieri comunali di Policoro di opposizione, è purtroppo lo specchio fedele della situazione del comparto dell’edilizia residenziale pubblica nell’intera provincia di Matera”. A sostenerlo è il vice presidente del Consiglio regionale Paolo Castelluccio per il quale, “sempre a Policoro vale per tutti l’esempio del ‘Contratto di Quartiere II’, all’interno del programma di riqualificazione del quartiere Iazzo - Ricino, che si trascina dal lontano 2002 tra intese istituzionali, adempimenti burocratici e finanziamenti con il contagocce”. “E’ il caso di ricordare – aggiunge - che in provincia di Matera ci sono 5.277 famiglie considerate da un Rapporto Nomisma per conto dell’Ater di Matera ‘a disagio abitativo’ perché con mutuo o canone di fitto superiore al 30 per cento del reddito familiare. E sempre in provincia di Matera le famiglie in graduatoria utile in attesa di un alloggio di edilizia residenziale pubblica sono 887 mentre gli alloggi assegnati sono 3.996 e con 176 alloggi potenzialmente utilizzabili (60 per nuclei in decadenza, 81 alloggi sfitti, 35 occupati abusivamente) per le famiglie in graduatoria e un turnover annuo pari a circa 15 nuclei familiari, sarebbero necessari 36 anni ad assorbire tutte le famiglie. Paghiamo il prezzo del fatto che gli ultimi Governi di centrosinistra hanno ‘rimosso’ il problema casa, nella convinzione diffusa che l’elevato tasso di proprietà fosse ormai una garanzia sufficiente della soddisfazione del fabbisogno. Nel frattempo la competenza sulle politiche abitative è stata regionalizzata mentre le risorse pubbliche sono venute meno. Le politiche abitative pubbliche si sono praticamente azzerate con l’esaurirsi delle risorse programmate. Di conseguenza, più o meno contemporaneamente, sono venuti a mancare sia una strategia nazionale sul tema casa e sia gli strumenti operativi efficienti per realizzarla. Scontiamo una situazione di profonda inadeguatezza delle risposte al disagio abitativo”. A parere di Castelluccio “ci sono anche responsabilità regionali come testimonia l’ultimo stanziamento in ordine di tempo di 3,5 milioni di euro di fonte statale per l'edilizia residenziale pubblica mentre il fabbisogno, in particolare in provincia di Matera, solo per le manutenzioni più urgenti da eseguire come per gli alloggi di Policoro è di gran lunga superiore. Nella Commissione consiliare competente c’è infatti agli atti il documento che l’Ater di Matera ha formulato alla Regione contenente una proposta di programma di reinvestimento dei proventi disponibili pari a 5,7 milioni di euro (2,9 milioni per nuove costruzioni e 2,8 milioni per manutenzioni) che prevede la costruzione di 12 alloggi di edilizia sovvenzionata a Matera e l'integrazione di finanziamenti già in essere per la costruzione d 6 alloggi a Calciano, 6 a Grottole, 12 a Scanzano e 6 a Miglionico. Dallo stesso fondo si attinge per le manutenzioni, tra cui l'intervento di revisione totale delle coperture agli immobili di Policoro (via Siris, 60 alloggi) per una spesa di 200 mila euro. Se non si immettono risorse finanziarie più consistenti da destinare prioritariamente alla ristrutturazione delle case popolari – conclude Castelluccio – con l'attuale ritmo ci vorrà un secolo per garantire tutti gli interventi. Figuriamoci per costruire nuovi alloggi”.

Diritti dei bambini, Giuliano incontra i ragazzi di Policoro

Proiettato il cortometraggio ‘Papaveri e papere’ girato dalla regista lucana Adelaide Dante De Fino
Continuano gli incontri con gli alunni degli istituti comprensivi lucani aderenti al progetto ‘Il diritto dei bambini e degli adolescenti nella loro specificità di persone in crescita’”. A riferirlo è il garante regionale dell’infanzia e dell’adolescenza, Vincenzo Giuliano, che ieri mattina ha incontrato gli scolari di alcune classi dell’Istituto comprensivo 2 di Policoro “E’ stata un’esperienza altamente educativa – afferma Giuliano - all’insegna dei valori che ogni famiglia deve poter trasmettere ai propri figli. A dare poi il motore su questi importanti temi è stata la proiezione del cortometraggio ‘Papaveri e papere’ girato dalla regista lucana Adelaide Dante De Fino, accompagnata dalla zia, vera ispiratrice del corto. Un filmato in cui si lanciano messaggi importanti ai genitori: non essere superficiali o disattenti rispetto alle esigenze dei propri figli, cercando di non trasportare le ambizioni dei grandi sui piccoli e di non trasformarli a propria immagine o inseguendo i propri sogni perché potrebbe essere traumatico per i bambini ed un trauma infantile è difficile da rimuovere, come è successo a Chico, la protagonista del corto”. “Si è aperto un vivace dibattito - conclude Giuliano - tra i ragazzi e gli ospiti, con un’atmosfera culturale interessante per lo spessore delle domande e delle risposte sul tema della famiglia: un argomento molto discusso oggi per le tante notizie di cronaca che ogni giorno, purtroppo, prendono posto in prima pagina”.

GRANDE SUCCESSO DELL’IC2 AI GIOCHI MATEMATICI 2018


Il 17 marzo, all’Istituto Superiore “Pitagora” di Policoro, si sono disputati i “Giochi Matematici” a livello regionale, a prendere la migliore posizione sugli altri istituti locali i ragazzi della secondaria dell’IC2 “Giovanni Paolo II”, capitanati dalle docenti di matematica: Piera Palmieri, Anna Mannarella, Maria Teresa Fiore, Maria Labollita, Maria Aliante.
I vincitori: Cocciolo Marco (classe 3E) – Categoria C2, Di Matteo Maria (classe 3 C) – Categoria C2 , Gioia Antonio (classe 2A)- Categoria C1.
Gli studenti sono stati premiati dal sindaco della città di Policoro, dott.Enrico Mascia, e dal coordinatore regionale dei Giochi Matematici, il dirigente: prof. Angelo Castronuovo, il quale ha elogiato l’IC2 per il grande risultato e per aver dato il maggior numero di partecipanti alla kermesse di matematica.
I ragazzi , grazie al risultato ottenuto, potranno partecipare a Milano – Università Bocconi, il 12 maggio 2018, per la gara nazionale.

La Dirigente dell’I.C.2 “Giovanni Paolo II” di Policoro, la prof.ssa Maria Carmela Stigliano, si è congratulata con i propri studenti e con i propri docenti, per la passione con cui operano e per l’impegno espletato nella preparazione dei ragazzi, grazie a ciò la scuola riesce ad essere sempre più innovata ed eccellente anche nel campo delle materie scientifiche.

Policoro. Modarelli(FI) chiede convocazione conferenza capigruppo


Con una nota indirizzata al presidente del consiglio comunale di Policoro Domenico Ranù, protocollata in data 16 Marzo 2018, il consigliere comunale di Forza Italia Gianluca Modarelli, viste le ultime vicende (mistero dei segnali stradali donati), ha richiesto la convocazione urgente della conferenza dei capigruppo, alla presenza del sindaco, degli assessori e del segretario generale, per delucidazioni in merito al modus operandi dell’attuale amministrazione, nonché alle interrogazioni a risposta scritta rimaste lettera morta, varie ed eventuali.  “Ho inoltrato questa richiesta - dichiara Modarelli – perché ritengo che non si possano più tenere gli occhi chiusi, giocando a mosca cieca, facendo finta di non essere mai stati investiti di importanti questioni che riguardano la nostra comunità. Ciò detto – continua Modarelli - credo che trascorsi ormai 9 mesi dall’insediamento della “nuova” amministrazione, sia necessario, per non dire doveroso, dire basta all’ipocrisia ed al silenzio/assenso da parte dei consiglieri comunali che hanno deciso di “sposare” scelte che mal si conciliano con le norme che disciplinano l’acquisizione di beni e servizi da parte della pubblica amministrazione”.

Rapina a mano armata in pieno centro


POLICORO - Venerdì 16 marzo in via Giustino Fortunato un contabile di una nota azienda locale ha subito una rapina di circa 30 mila euro mentre stava andando a depositare i soldi in banca.

domenica 18 marzo 2018

Asm,inaugurazione Laboratorio Audiologia Strumentale a Policoro


Sabato 17 marzo 2018 alle ore 10.00 verrà inaugurato il laboratorio di Audiologia Strumentale presso l’unità operativa semplice di Vestibologia e g.i.a. di Otorinolaringoiatria dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Policoro, diretta dal dr. Giacinto Asprella Libonati. Interverranno il Commissario dell’ ASM, dr. Pietro Quinto, il presidente della onlus “Un Sorriso alla vita” ing. Michele Lupo, il dr. Giacinto Asprella Libonati,  il Sindaco di Policoro dr. Enrico Mascia e sua Eccellenza Monsignor Vincenzo Carmine Orofino che impartirà la benedizione. Il laboratorio è dotato delle più moderne apparecchiature per la diagnosi dei problemi uditivi e vestibolari. Alla dotazione strumentale già presente, Audiometro clinico con vocale in campo libero, impedenzometro clinico, otoemissioni acustiche cliniche, si sono aggiunte  la cabina insonorizzata e lo strumento per la rilevazione dei potenziali evocati, donati dall’Associazione Onlus Gian Franco Lupo “Un Sorriso alla vita”. “Riusciamo a offrire esami all’avanguardia nella diagnosi dei disturbi dell’udito in tempi assolutamente brevi -  ha dichiarato il dr. Giacinto Asprella  – i numeri parlano da soli, nell’arco temporale da luglio 2017 a gennaio 2018 sono stati eseguiti circa 1170 esami, su oltre 700 pazienti. Abbiamo tempi di attesa molto brevi, 7 giorni per i potenziali evocati e soli 3 giorni per l’audiometria. Con la disponibilità di un tecnico audiometrista che l’Asm ha dedicato alla nostra unità operativa, riusciamo a riservare percorsi preferenziali di accesso ai pazienti in età pediatrica, abbiamo infatti attivato, in osservanza ai nuovi LEA e seguendo il progetto aziendale della nostra ASM, lo screening audiologico neonatale per il punto nascita di Policoro, in collaborazione con la Pediatria. Eseguiamo, inoltre, i potenziali evocati vestibolari, esame elettrofisiologico complementare alla diagnostica clinica vestibolare per i problemi di equilibrio, campo nel quale riceviamo richieste sempre più numerose da tutte le regioni limitrofe. La nostra volontà è di migliorare ancora in futuro, intensificando la collaborazione con i medici del territorio, Pediatri e Medici di Medicina Generale, e arricchendo ancora i nostri servizi in termini di qualità e numero di prestazioni”.

Asm, la Chirurgia di Policoro centro di tirocinio


L’unità operativa complessa di Chirurgia dell’ospedale Giovanni Paolo II, diretta dal dr. Vincenzo Sassone,  è stata inserita dalla Scuola Speciale ACOI di chirurgia laparoscopica e mini-invasiva, con sede a Modena, tra i centri accreditati per il “Corso Base” dell’anno 2018. Ospiterà quindi alcuni allievi della suddetta scuola, dopo che essi avranno svolto le previste ore di formazione teorica a Modena. E’ prevista la partecipazione attiva degli allievi all’attività di sala operatoria e come operatori in almeno cinque procedure laparoscopiche di base. Al termine del corso gli allievi chirurghi dovranno essere in grado di trattare in laparoscopia le varie patologie. L’attività di tirocinio prevede un periodo minimo di 120 ore e dovrà esaurirsi entro il mese di novembre dell’anno in corso. La Scuola speciale ACOI di chirurgia laparoscopica mini-invasiva, di cui è direttore la dr.ssa Micaela Piccoli, terminerà, infatti, l’anno accademico il 22 e il 23 novembre 2018 a Modena e in tale occasione, nel corso di una cerimonia ufficiale, verranno consegnati i diplomi a tutti gli allievi ritenuti idonei dei tre Corsi (base ed avanzati). Si tratta di un importante riconoscimento per una struttura ospedaliera geograficamente periferica nel contesto nazionale, ma in grado di assicurare significativi livelli qualitativi.
Ha un kg di marijuana in casa, arrestato
A Policoro un uomo di 32 anni, la droga in due secchi di vernice
10 MAR - Un uomo di 32 anni è stato arrestato a Policoro (Matera) dai Carabinieri, che hanno trovato nella sua casa circa un chilo di marijuana nascosta in due secchi di vernice. Alla perquisizione domiciliari i militari sono giunti dopo aver fermato una persona durante un controllo.
Fonte Ansa
Droga: un arresto nel Metapontino
Sequestrata cocaina. Sono state inoltre denunciate tre persone
MATERA, 8 MAR - Una persona è stata arrestata e altre tre sono state denunciate in stato di libertà alla magistratura nell'ambito di un'operazione antidroga denominata "Coast to coast" condotta dalla Polizia che nella fascia jonica della provincia materana ha scoperto uno smercio di cocaina (ne sono stati sequestrati circa 30 grammi) acquistata a Bari.
In particolare, alla persona arrestata (nei cui confronti la misura cautelare dei domiciliari è stata poi modificata nell'obbligo di dimora a Scanzano Jonico) è contestata anche l'aggravante specifica "per aver adibito - è spiegato in un comunicato diffuso dalla Questura di Matera - la sua abitazione e la sua autovettura a luoghi di convegno abituale di persone che in loco si dedicavano all'uso di sostanze stupefacenti".

Fonte Ansa

Accertamenti Guardia di Finanza su due società del Metapontino
MATERA, 6 MAR - Ricavi per 1,6 milioni di euro non dichiarati da due società di capitali, operanti nella commercializzazione di capi di abbigliamento e gestite e amministrate dalla stessa persona, sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle della Brigata di Metaponto di Bernalda (Matera) hanno inoltre accertato l'evasione dell'Iva per circa 300 mila euro.
Fonte Ansa

Gdf Matera sequestra 400 mila articoli

La vendita della merce avrebbe fruttato circa 56 mila euro

MATERA, 5 MAR - Oltre 400 mila articoli non sicuri - fra i quali anche "diverse confezioni di olio idratante per neonati" - sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza in un negozio gestito da un uomo di origine cinese, che ha ricevuto sanzioni amministrative per 20 mila euro. La vendita della merce avrebbe fruttato circa 56 mila euro.
Fonte Ansa
Da Tutta un’altra storia a Tutto fermo

“Eppur si muove” disse Galileo Galilei al tribunale dell’Inquisizione al termine della sua abiura dell’eliocentrismo. Ma nella nostra cittadina - dichiara il consigliere comunale di Forza Italia Gianluca Modarelli - per la quale avrebbe dovuto essere “Tutta un’altra storia”, invece è “tutto fermo”!!! Nonostante i mesi trascorsi, i vari solleciti inviati agli amministratori, all’ufficio del Sindaco ed al Segretario Generale, ci ritroviamo con interrogazioni a risposta scritta ex art. 19 inevase, problemi irrisolti e delibere di giunta che si fanno desiderare come quella non ancora emessa per l’acquisizione di un’altalena per ragazzi diversamente abili donata in beneficenza dal 05/01/2018. In tale contesto, - continua Modarelli - dove a far da padrona è l’inerzia, sento il dovere di denunciare tale “staticità amministrativa” e di lanciare un appello a tutta l’amministrazione comunale affinché manifesti “segni di vita” atteggiandosi a protagonista, e non già a mera comparsa, nella risoluzione delle questioni cittadine. Si è detto tanto sulla necessità di abbattere le “barriere”, ma se per abbattimento delle barriere si intende solo il mutamento dell’ambiente circostante senza che tutto ciò sia accompagnato da un cambiamento di pensiero, non ci sposteremo mai in avanti. Senza voler fare retorica, - conclude Modarelli - ritengo che l’indifferenza, l’inerzia ed il pressapochismo rappresentino la bestia più pericolosa da affrontare. Auspico, dunque, che a livello amministrativo “si muova” qualcosa e che siano evase tutte le questioni ad oggi rimaste lettera morta.

Confapi Matera su tavolo confronto zona artigianale D1 Policoro


"Su richiesta di Confapi Matera, si è svolto stamattina, nella sala consiliare del Comune di Policoro, un affollato incontro con gli operatori economici della zona artigianale D1, alla presenza del sindaco Mascia, degli assessori ai Lavori Pubblici Di Cosola e alle Attività produttive Razzante, e del direttore tecnico di Acquedotto Lucano Pellettieri. La delegazione di Confapi Matera era guidata dal presidente degli Edili Nuzzaci e dal direttore Stella. L’incontro, che ha fatto seguito ad analoghe riunioni svoltesi negli anni scorsi, - spiega una nota di Confapi Matera -  ha avuto lo scopo di discutere dello stato dei servizi nella zona artigianale D1 di Policoro, in cui decine di imprese lamentano una serie di disservizi, tra cui spiccano il mancato allacciamento alla rete idrica per l’acqua potabile e l’assenza della rete fognaria. Sono 30 anni, infatti, che gli imprenditori dell’area, alcuni ormai alla seconda generazione, si battono per ottenere migliori servizi e infrastrutture di base, come la fogna, l’acqua, il collegamento a internet, l’installazione di telecamere per la sicurezza, una viabilità decente e altro. Dall’incontro è emerso che alcuni passi avanti sono stati fatti, come per esempio l’installazione della pubblica illuminazione, la realizzazione dei marciapiedi e la rete del gas; molto altro tuttavia resta ancora da fare per dare dignità a un’area produttiva densa di attività economiche. Il problema più serio resta la mancanza della fogna e dell’acqua potabile, per cui si è in attesa da tempo del perfezionamento della convenzione tra Acquedotto Lucano e Regione Basilicata. Moderata soddisfazione è stata espressa al termine dell’incontro dal presidente Nuzzaci e dal direttore Stella per l’impegno assunto dall’Amministrazione Comunale di convocare incontri periodici al fine di monitorare lo stato dell’arte e addivenire alla stipula di un protocollo d’intesa con Confapi Matera, volto alla tutela dei legittimi interessi degli imprenditori operanti nell’area. Il tavolo dovrebbe essere allargato anche alla Regione, al Consorzio per lo Sviluppo Industriale e ad Acquedotto Lucano. L’Associazione ha apprezzato la buona volontà del sindaco Mascia e dei suoi assessori per ascoltare le istanze e risolvere i problemi sollevati, accogliendo favorevolmente anche l’ipotesi di un ampliamento dell’area produttiva al fine di accogliere nuovi operatori per uno sviluppo ecosostenibile e che dia occupazione a un territorio dalle grandi potenzialità".

Scarcia (NcI): "Sgravi Tari a chi assume"


POLICORO - Arriva da Massimiliano Scarcia, già assessore al bilancio nell'amministrazione Leone e in rappresentanza del movimento civico “Avanti” la proposta all'Amministrazione Comunale di ridurre la TARI agli imprenditori che assumono a tempo indeterminato o che trasformano un contratto da tempo determinato a tempo indeterminato.
“Ho protocollato questa richiesta all'incirca un mese fa e oggi con le conferme da parte dell'amministrazione comunale del rincaro del 10% della TARI, credo torni di grande attualità. Ho sempre preferito la proposta alla protesta, per questo ho suggerito all’attuale amministrazione di premiare con una riduzione della TARI gli imprenditori (perché sono loro che creano lavoro e non la politica) che assumono o che trasformando un contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato. Si tratta semplicemente di un segnale di attenzione e di sensibilità nei confronti di coloro che rappresentano il vero motore dell’economia locale e nei confronti dell'intera comunità”
“L’ente comunale di Policoro da Statuto – continua Scarcia - favorisce le azioni volte ad incentivare l’occupazione giovanile e le politiche del lavoro. Le agevolazioni potrebbero essere richieste, a titolo di esempio, da singole attività economiche, imprese, società di capitali e di persone, liberi professionisti.
Il contributo verrebbe concesso e proporzionato in percentuale a quanto dovuto dal datore di lavoro sul pagamento del tributo TARI con le seguenti modalità:
1 unità contributo 30% dell’importo Tari per l’anno 2018 dovuto all’ente
Da 2 a 3 unità contributo 50% dell’importo tari per l’anno 2018 dovuto all’ente
Da 4 unità in poi contributo 100% dell’importo tari per l’anno 2018 dovuto all’ente.
Trasformazione di contratti in essere da tempo determinato a tempo indeterminato, per almeno 3 anni: 1 unità contributo 40% dell’importo tari per l’anno 2018 dovuto all’ente
Da 2 a 3 unità contributo 60% dell’importo tari per l’anno 2018 dovuto all’ente
Da 4 unità in poi contributo 100% dell’importo tari per l’anno 2018 dovuto all’ente. “

“Credo che accettare questa mia proposta, anche rivedendo le percentuali proposte, sia un atto concreto e di grande attenzione su quella che è la principale problematica di molti giovani e molte famiglie ovvero la ricerca di un posto di lavoro e al tempo stesso un riconoscimento a quei soggetti imprenditoriali che in questo periodo difficile continuano a sviluppare le loro attività. Infine, una considerazione sull'aumento della TARI, che dimostra che tra le chiacchiere e governare c’è una bella differenza. Abbiamo lasciato un progetto di raccolta lungimirante che guarda alla tariffa puntuale come punto di arrivo. Un progetto che ha posto in essere una attenta operazione di ridistribuzione, riduzione dei costi di discarica gestite da pochi soggetti ed un aumento dei posti di lavoro. Tuttavia, anche il miglior progetto se calano i controlli (soprattutto nei villaggi turistici) porta come diretta conseguenza la crescita del rifiuto indifferenziato e quindi dei costi di smaltimento. Questo aumento segna un passo indietro al quale Policoro deve necessariamente rispondere con delle azioni perché la questione ambientale riguarda l’intera comunità ed è un biglietto da visita verso l’esterno.”

domenica 25 febbraio 2018

Parcheggi a pagamento e tassa di soggiorno a Policoro


POLICORO - Nei giorni scorsi il Consiglio comunale della città di Policoro ha approvato il regolamento che istituisce dalla prossima estate 2018 i parcheggi a pagamento nella zona Lido. Poi con successiva delibera di Giunta comunale sono stati istituiti anche i parcheggi a pagamento.

Confapi Matera su servizi zona artigianale D1 Policoro


Con una nota inviata al sindaco di Policoro, Enrico Mascia, e per conoscenza all’amministratore unico di Acquedotto Lucano, Michele Vita, il presidente di Confapi Matera, Massimo De Salvo, ha segnalato la pluridecennale questione dello stato dei servizi nella zona artigianale D1 di Policoro. “In particolare – scrive De Salvo - da 30 anni decine di imprese ivi ubicate lamentano una serie di disservizi tra cui spiccano il mancato allacciamento alla rete idrica per l’acqua potabile e l’assenza della rete fognaria, con la conseguenza di essere costrette a dotarsi di pompe di sollevamento per l’acqua e di fosse Imhoff per la fogna”. “Inoltre, ci viene riferito che ieri sono iniziati nell’area i lavori di ripristino del manto stradale, senza tuttavia che sia stata prevista la sistemazione delle rete fognaria, né l’allacciamento alla rete idrica. Ciò comporta due alternative: che non è nei programmi dell’Amministrazione realizzare a breve i citati ulteriori lavori; oppure che il nuovo manto stradale è destinato a durare poco”. "Per questo motivo - si legge in un comunicato -  il presidente di Confapi Matera ha chiesto al sindaco Mascia la disponibilità a convocare un incontro urgente, allargato anche all’Acquedotto Lucano per le relative competenze, per discutere delle questioni sollevate. Il tema dello stato dei servizi dell’area artigianale D1 di Policoro è stato più volte, negli anni, posto dall’Associazione alle varie Amministrazioni Comunali che si sono succedute. Ancora 3 anni fa ci si batteva per ottenere migliori servizi e infrastrutture di base, come la fogna, l’acqua, il collegamento a internet, la rete del gas, una viabilità decente e altro. Il problema più serio resta la mancanza della fogna, ma molto altro resta ancora da fare per ridare dignità a un’area produttiva densa di attività economiche".

domenica 18 febbraio 2018

Policoro, inaugurazione complesso oratoriale al Buon Pastore


Domenica 18 febbraio 2018 la comunità di Policoro e l’intera Diocesi vivranno un momento di particolare importanza nella propria vita pastorale: l’inaugurazione dell’intero complesso “oratoriale” adiacente la Chiesa del Buon Pastore. Alle ore 19.00 è prevista la Santa Messa presieduta da S. E. Mons. Vincenzo Orofino e a seguire la benedizione dei locali. Il Complesso parrocchiale è dotato di aule, di un piccolo teatro che, all’occorrenza, potrà trasformarsi in sala convegni, di due campi di calcio e numerose attrezzature sportive, di una capiente Sala Ristoro e sarà luogo deputato non soltanto alla Catechesi, alla formazione e allo svago; essenzialmente, sarà il luogo della Carità: Mensa Caritas, Centro di ascolto e incontro solidale. Tutto nella ricerca di una dimensione sociale e di uno stile di vita aperto a Dio e in dialogo con i fratelli.
Per don Giuseppe Gazzaneo, parroco del Buon Pastore di Policoro e Vicario episcopale per la Carità, il complesso parrocchiale all’oratorio è un luogo "dove poter svolgere “l’azione educativa della Chiesa a favore di ragazzi e giovani”, e al contempo può essere definito “laboratorio della fede e della vita delle nuove generazioni”, o “luogo cristiano specifico dei ragazzi e giovani”, “luogo di formazione e di gioco”, “luogo di incontri e di sport”, “luogo di fede e di gioia”, “luogo quotidiano della vita delle nostre comunità che accompagnano e vivono con le generazioni più giovani”. Tutto questo e ancora di più. È il luogo semplice e comune che può rendere unico un incontro, una relazione, un’esperienza. È la certezza che, dove la Parola di Dio incontra un cuore aperto e una fede che si impegna, lì è capace di generare una vita bella, piena, felice, ricolma di amore, come Dio la vuole. Diventa una scommessa sulle persone, perché chiunque può accogliere i doni di Gesù e della sua Parola se “si prepara il terreno” e si creano le condizioni per un incontro entusiasmante che segna la vita e invita alla conversione. È l’impegno ad abitare la vita di tutti i giorni al massimo, scegliendo di essere testimoni del Vangelo, discepoli di Gesù in mezzo alla gente, anzi ancora di più “apostoli” del Signore in mezzo agli altri, al mondo e alle sue mode, con uno stile irripetibile e dirompente; è la volontà di stare nel mondo trasformandolo da dentro, sostenendolo con il nostro essere, con la nostra unicità e differenza, senza creare distanze o esclusioni, ma promuovendo sempre nuove occasioni di accoglienza, integrazione, fiducia".

sabato 10 febbraio 2018

Itrec Rotondella, incontro con i sindaci del Metapontino


E’ a buon punto il cronoprogramma per le attività di monitoraggio, messa in sicurezza e rimozione della causa di inquinamento

E’ pronto il progetto finalizzato ad aumentare la rete dei piezometri per la messa in sicurezza e il monitoraggio dell’area interessata dalle attività del Centro di ricerche Enea Itrec di Rotondella.
E' quanto si è appreso nell' incontro svoltosi oggi, nella sede della Regione Basilicata, a Potenza, convocato dall’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, al fine di fare il punto della situazione insieme ai sindaci del Metapontino. “Si è trattato – afferma l’assessore Pietrantuono - di una tappa intermedia per una verifica sugli impegni assunti nell'ultima conferenza di servizi ”. All’incontro hanno partecipato tra gli altri, i rappresentanti di Sogin, Enea, Arpab, Asm, e dei comuni di Rotondella, Policoro, Scanzano Jonico, Colobraro, Valsinni, Bernalda, Montalbano Jonico e Nova Siri. “L’incontro – afferma l’assessore Pietrantuono – è stato molto utile per aggiornare i sindaci sul cronoprogramma delle attività anche a seguito della costituzione del Tavolo permanente dei sindaci. Dal confronto con i rappresentanti di Enea e Sogin è emerso che il cronoprogramma, definito nell’ultima conferenza di servizi, in merito alle attività di monitoraggio, messa in sicurezza e rimozione della causa di inquinamento è a buon punto. E questo ci consente di programmare già probabilmente entro la fine del mese di febbraio una nuova conferenza di servizio per avviare rapidamente i lavori relativi ai progetti presentati. Fra cui anche la rimozione dei serbatoi che hanno causato l’inquinamento e per i quali occorre solo un’ultima condivisione con Ispra”.