domenica 18 febbraio 2018

Policoro, inaugurazione complesso oratoriale al Buon Pastore


Domenica 18 febbraio 2018 la comunità di Policoro e l’intera Diocesi vivranno un momento di particolare importanza nella propria vita pastorale: l’inaugurazione dell’intero complesso “oratoriale” adiacente la Chiesa del Buon Pastore. Alle ore 19.00 è prevista la Santa Messa presieduta da S. E. Mons. Vincenzo Orofino e a seguire la benedizione dei locali. Il Complesso parrocchiale è dotato di aule, di un piccolo teatro che, all’occorrenza, potrà trasformarsi in sala convegni, di due campi di calcio e numerose attrezzature sportive, di una capiente Sala Ristoro e sarà luogo deputato non soltanto alla Catechesi, alla formazione e allo svago; essenzialmente, sarà il luogo della Carità: Mensa Caritas, Centro di ascolto e incontro solidale. Tutto nella ricerca di una dimensione sociale e di uno stile di vita aperto a Dio e in dialogo con i fratelli.
Per don Giuseppe Gazzaneo, parroco del Buon Pastore di Policoro e Vicario episcopale per la Carità, il complesso parrocchiale all’oratorio è un luogo "dove poter svolgere “l’azione educativa della Chiesa a favore di ragazzi e giovani”, e al contempo può essere definito “laboratorio della fede e della vita delle nuove generazioni”, o “luogo cristiano specifico dei ragazzi e giovani”, “luogo di formazione e di gioco”, “luogo di incontri e di sport”, “luogo di fede e di gioia”, “luogo quotidiano della vita delle nostre comunità che accompagnano e vivono con le generazioni più giovani”. Tutto questo e ancora di più. È il luogo semplice e comune che può rendere unico un incontro, una relazione, un’esperienza. È la certezza che, dove la Parola di Dio incontra un cuore aperto e una fede che si impegna, lì è capace di generare una vita bella, piena, felice, ricolma di amore, come Dio la vuole. Diventa una scommessa sulle persone, perché chiunque può accogliere i doni di Gesù e della sua Parola se “si prepara il terreno” e si creano le condizioni per un incontro entusiasmante che segna la vita e invita alla conversione. È l’impegno ad abitare la vita di tutti i giorni al massimo, scegliendo di essere testimoni del Vangelo, discepoli di Gesù in mezzo alla gente, anzi ancora di più “apostoli” del Signore in mezzo agli altri, al mondo e alle sue mode, con uno stile irripetibile e dirompente; è la volontà di stare nel mondo trasformandolo da dentro, sostenendolo con il nostro essere, con la nostra unicità e differenza, senza creare distanze o esclusioni, ma promuovendo sempre nuove occasioni di accoglienza, integrazione, fiducia".

sabato 10 febbraio 2018

Itrec Rotondella, incontro con i sindaci del Metapontino


E’ a buon punto il cronoprogramma per le attività di monitoraggio, messa in sicurezza e rimozione della causa di inquinamento

E’ pronto il progetto finalizzato ad aumentare la rete dei piezometri per la messa in sicurezza e il monitoraggio dell’area interessata dalle attività del Centro di ricerche Enea Itrec di Rotondella.
E' quanto si è appreso nell' incontro svoltosi oggi, nella sede della Regione Basilicata, a Potenza, convocato dall’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, al fine di fare il punto della situazione insieme ai sindaci del Metapontino. “Si è trattato – afferma l’assessore Pietrantuono - di una tappa intermedia per una verifica sugli impegni assunti nell'ultima conferenza di servizi ”. All’incontro hanno partecipato tra gli altri, i rappresentanti di Sogin, Enea, Arpab, Asm, e dei comuni di Rotondella, Policoro, Scanzano Jonico, Colobraro, Valsinni, Bernalda, Montalbano Jonico e Nova Siri. “L’incontro – afferma l’assessore Pietrantuono – è stato molto utile per aggiornare i sindaci sul cronoprogramma delle attività anche a seguito della costituzione del Tavolo permanente dei sindaci. Dal confronto con i rappresentanti di Enea e Sogin è emerso che il cronoprogramma, definito nell’ultima conferenza di servizi, in merito alle attività di monitoraggio, messa in sicurezza e rimozione della causa di inquinamento è a buon punto. E questo ci consente di programmare già probabilmente entro la fine del mese di febbraio una nuova conferenza di servizio per avviare rapidamente i lavori relativi ai progetti presentati. Fra cui anche la rimozione dei serbatoi che hanno causato l’inquinamento e per i quali occorre solo un’ultima condivisione con Ispra”.

giovedì 8 febbraio 2018

Confesercenti Policoro, De Lorenzo nuovo presidente


Massimo De Lorenzo è il Presidente della Confesercenti di Policoro e nel Direttivo, in rappresentanza dei vari servizi, verrà coadiuvato da tre figure di già comprovato spessore professionale e cioè Roberta La Guardia, direzione artistica e supervisor alla comunicazione, Carmela Tufari, titolare di attività commerciale, e Michela Azzone, libero professionista. Riparte, così, la neocostituita associazione dei commercianti a Policoro con il precipuo obiettivo di sviluppare una serie di attività che esaltino le bellezze del territorio a tutto vantaggio delle imprese insediate che svilupperanno maggiore economia, facendo uscire dall’isolamento la città di Policoro, una fra le più importanti della Basilicata.

Policoro, potenziato ambulatorio per visite urologiche


Un consistente incremento delle prestazioni ambulatoriali di urologia del P.O. di Policoro.
L'ha disposto il Commissario Asm Pietro Quinto dopo il potenziamento degli organici con l'assunzione di tre medici urologi (due dei quali assegnati al P.O. di Matera) negli ultimi mesi. All'ambulatorio del giovedì e dunque all'intensa attività urologica assicurata in questi anni dal dott. Antonio Salerno, dal 1° febbraio si affiancheranno il venerdì ed il sabato per la presenza di un urologo in servizio al P.O. di Matera. Si tratta, difatti, della triplicazione delle giornate di ambulatorio (prevalentemente visita ed ecografia), posto che il potenziamento porta in dote 15 visite programmate e 3 urgenti in più al giorno. "Dopo il parto indolore al P.O. di Matera, l'urologia cresce nel P.O. di Policoro", spiega il Commissario Asm Pietro Quinto. "Un risultato possibile grazie al consolidato sapiente lavoro di coordinamento del Direttore Sanitario Domenico Adduci e alla abilità del Direttore dell'Urologia Giuseppe Disabato nel programmare le attività urologiche, coniugando esigenze di reparto e di ambulatorio. Passo dopo passo -aggiunge Quinto- prendono forma gli obiettivi di incremento della qualità e del numero dei servizi, cui siamo giunti con un'oculata iniezione di forze fresche negli organici e una riorganizzazione aziendale totalmente ancorata alle disposizioni regionali". Il Commissario sottolinea poi il benefico effetto che le ulteriori due giornate di ambulatorio avranno sui tempi di attesa degli utenti del nosocomio jonico, "pur non dovendo mai dimenticare -chiosa Quinto- che ad ogni miglioramento dell'offerta Asm corrisponde in modo perfettamente simmetrico l'impennata del tasso di "immigrazione sanitaria" dalle regioni vicine, reiterando così il ciclo infinito dell'allungamento delle liste d'attesa". Le visite urologiche a Policoro per il venerdì e il sabato sono prenotabili al Cup già da oggi.

Morto giovane albanese nella zona Lido

POLICORO - Domenica sera 28 gennaio un giovane albanese è stato investito nella zona Lido, nei pressi della stazione ferroviaria, da un'auto. L'impatto è stato fatale all'extracomunitario, deceduto sul posto, che stava camminando sul ciglio della strada.

Referendum per includere la provincia Tarantina alla Basilicata



Molti lucani non sanno che lo scorso 19 Gennaio il Presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano, ha firmato l’atto autorizzativo necessario per mettere in campo la raccolta delle 15.000 firme indispensabili per la presentazione della proposta referendaria in materia di separazione del territorio della provincia di Taranto dalla Regione Puglia per annetterla, eventualmente, alla Regione Basilicata.

L’istanza presentata dal comitato promotore “Taranto futura” nel novembre del 2016 assume così una dimensione istituzionale che chiamerà tutti i comuni tarantini a rendere disponibili le proprie strutture comunali per favorire la petizione in questione.
Alla conferenza stampa di presentazione del progetto, tenutasi lo scorso Mercoledi 24 Gennaio presso la Sala Giunta della Provincia di Taranto, erano presenti in forma istituzionale i lucani Gaetano Fierro, più volte sindaco di Potenza e Filippo Margiotta. A dirigere i lavori è stato il padrone di casa, il Presidente del comitato avv. Nicola Russo, coadiuvato da alcune associazioni del tarantino. Il sottoscritto, sebbene invitato al tavolo della Presidenza e benché fortemente simpatizzante di tale proposta referendaria, ha inteso declinare l’invito poiché in veste personale e non istituzionale. Tuttavia nei prossimi giorni non mancheranno occasioni utili a promuovere e favorire l’iniziativa, poiché ritengo i processi vadano seguiti e non subiti, partecipati e non imposti.

In queste ore, nel tarantino, si stanno costituendo i comitati per la raccolta firme in tutti i comuni, ma l’iter sarà lunghissimo e particolarmente articolato.

Il 10 febbraio inizia la raccolta firme avente l’obbiettivo di raccoglierne almeno 15mila. Poi la proposta sarà vagliata dalla Corte di Cassazione e se si andrà al voto sarà necessario un quorum del 30 per cento degli elettori.

Credo fermamente che tale l’iniziativa vada sostenuta perché la Basilicata è ad alto rischio demografico, ragion per cui sono già partiti numerosi progetti di ripopolamento nei comuni montani a più alto rischio.

I motivi economici, turistici e commerciali, nonché storico culturali, poi dovrebbero indurci a guardare con grande simpatia a tale proposta referendaria, che vorrei ricordare, “al momento” rappresentare solo la più alta forma di democrazia, ossia aver avviato un processo volto a chiedere direttamente ai cittadini cosa più desiderano. L’onere che ha la politica è semplicemente quello di darne divulgazione ed eventualmente argomentare le ragioni per cui si ritiene o meno sostenete tale progetto.

Giuseppe Maiuri – Capogruppo Policoro Futura

Comuni fascia jonica candidano progetto a programma "Magna Grecia"

I Comuni di Bernalda (capofila), Pisticci, Montalbano Jonico, Scanzano Jonico, Matera, Policoro e Nova Siri hanno presentato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo la proposta progettuale “Magna Grecia – Da Pitagora alla nuova cittadinanza temporanea euro mediterranea”, al fine di partecipare all’avviso pubblico ministeriale per l’attuazione del Programma “Magna Grecia”. “L’avviso intende favorire una programmazione culturale integrata che assicuri la valorizzazione e la maggior fruizione dell’area Metapontina da parte di flussi turistici nazionali e internazionali – spiega il sindaco di Pisticci Viviana Verri - Da ciò discende la storica scelta dei Comuni dell’arco jonico di collaborare e definire una strategia di sviluppo turistico condiviso dalle Amministrazioni Comunali per valorizzare una storia comune legata alla Magna Grecia e favorire l’esito positivo della candidatura. La proposta di progetto dei Comuni lucani prevede la nascita di un sistema culturale integrato, attraverso la predisposizione di interventi che stimolino lo sviluppo di una forte identità territoriale valorizzando arte, architettura, storia e risorse ambientali del territorio facendo leva sul concetto di cittadinanza temporanea, metodo di sviluppo e stimolo delle comunità locali per la trasformazione dei cittadini in abitanti culturali e dei turisti in cittadini temporanei. In particolare, ogni Comune ha inteso valorizzare le peculiarità che li connotano come territori della Magna Grecia, così da creare una rete turistica integrata che faciliti l’interconnessione dei luoghi storici attraverso cui la società greca ha posto le sue radici e si è affermata in tutto il suo splendore nel Mezzogiorno. Per quanto riguarda il nostro Comune, il progetto riguarda ‘Il Pittore di Pisticci e le vie dell’argilla’ e intende potenziare lo sviluppo culturale e turistico del territorio, da attivarsi attraverso la collaborazione con Plus Hub, il team multidisciplinare di professionisti ed esperti locali, amministratori, Università ed Enti di Ricerca. La strategia proposta sarà sviluppata con la partecipazione ed il coinvolgimento di artigiani, associazioni, imprese, scuole”. “Il Pittore di Pisticci, figura misteriosa ateniese, è il capostipite della ceramografia attica a figure rosse e il suo lavoro è strettamente legato all’argilla, l’elemento più rappresentativo del genius loci di Pisticci – continua la prima cittadina - Tante sue opere sono esposte nei Musei nazionali e internazionali di maggior prestigio e, attraverso la sua notorietà, Pisticci intende proporsi come territorio nevralgico nella strategia di sviluppo del Parco della Magna Grecia. L’obiettivo è quello di valorizzare la filiera dell’argilla attraverso la creazione di percorsi turistici e guide interattive e con la riqualificazione di un immobile storico, di proprietà pubblica, in via Ricciotti, nel cuore del Rione Dirupo, luogo centrale in cui verrà allestito un Archeo Museo Scuola dedicato alle tecniche di lavorazione artigiana per fini artistici e di rigenerazione urbana.
Centrale, naturalmente, sarà il ruolo di Matera 2019 che contribuirà in maniera determinante alla piena valorizzazione degli splendidi tesori ereditati dalla Magna Grecia, oggi, autentica occasione di sviluppo per i territori dell’area metapontina.

Autismo, concluso il secondo ciclo di master a Policoro

Il 27 gennaio si è svolta la cerimonia di consegna del titolo post-lauream della seconda edizione del Master in “Management per l'Inserimento Lavorativo di persone con Autismo”, organizzato da Enfor in collaborazione con Irccs “Stella Maris” di Pisa, Fondazione Stella Maris Mediterraneo Onlus, Associazione Lucana Autismo e CulturAutismo onlus. Un percorso di studio di 900 ore che ha permesso di formare figure in possesso di competenze interdisciplinari per progettare, sviluppare e gestire percorsi d’inserimento sociale e lavorativo di persone con autismo. Tale esperto, definibile come Job Coach, è in grado di creare una rete tra la famiglia, la scuola, le istituzioni e le aziende (pubbliche e private) del territorio. La formazione, mediante un approccio multidisciplinare e attraverso la collaborazione con esperti del settore, ha fornito competenze specifiche sul tema dell'autismo e un supporto concreto alla transizione dall'età adolescenziale a quella adulta.
Le lezioni d’aula hanno consentito di sviluppare competenze trasversali: dalle caratteristiche dell’autismo alla valutazione clinica, dalla legislazione sui contratti di lavoro per persone disabili ai modelli di inserimento lavorativo e sociale in Europa. Tra gli esperti di spicco che hanno tenuto le lezioni sono stati: Carlo Calzone (Direttore  UOC NPI ASL di Matera), Flavia Caretto e Giovanni Magoni (CulturAutismo, Roma); Filippo Muratori (Università di Pisa), Guido Giarelli (Università di Catanzaro), Francesco Bianco (Ass. Ipertesto, Napoli). Inoltre, i corsisti hanno svolto stage presso realtà psicoeducative, riabilitative e ludico-sportive del territorio. «Anche quest'anno – ha spiegato Rocco Di Santo, il coordinatore del Master - si sono susseguiti esperti dei servizi lucani ed esperti a livello nazionale (accademici e professionali) che hanno contribuito ad un percorso formativo di alta qualità. Stiamo offrendo al territorio una nuova figura professionale in grado di supportare l'adolescente con autismo dal mondo della scuola a quello del lavoro. La novità di quest'anno è quella di aver potuto sperimentare un nuovo modo di supportare il ruolo genitoriale: il parent-to-parent, grazie anche alla collaborazione dell'Associazione Lucana Autismo». «L’autismo sta diventando una delle problematiche più importanti in Neuropsichiatria infantile – ha dichiarato il dott. Carlo Calzone - e soprattutto è delicato il passaggio all’età adulta. Quindi avere delle persone formate per gestire questo momento è molto importante e credo che questo Master sia fondamentale anche per permettere a questi ragazzi un inserimento sociale». «Io credo – ha detto Francesco Addolorato dell'Associazione Lucana Autismo e padre di Vincenzo, ragazzo autistico di 19 anni - che la sfida dell’inclusione lavorativa per i ragazzi con autismo sia la vera sfida di inclusione perché il valore di una società si vede nel modo in cui riesce ad includere persone nei processi produttivi e a dare loro dignità di uomini che producono e provvedono a se stessi». «Ho molto apprezzato l’iniziativa di ENFOR – ha invece dichiarato Mario Marra (Presidente Fondazione Stella Maris Mediterraneo di Chiaromonte) relativa a questo Master perché questa è una tematica che ad oggi non è stata ancora affrontata dal legislatore che non ha pensato al problema dei ragazzi che escono dall’età scolare e che oggi sono invisibili». Infine molto soddisfatto per il successo dell’iniziativa il presidente di Enfor Cosimo Minonni. «Esprimo grande soddisfazione per la riuscita del Master e ringrazio tutti i partners che hanno partecipato che ha dato un supporto dalla progettazione del programma alla presentazione delle domande. Un ringraziamento speciale al Dott. Di Santo, il coordinatore del Master e Domenico Viola, referente del controllo di gestione».


sabato 27 gennaio 2018

Matera 2019: firmato Accordo Quadro tra Miur ed enti locali per coinvolgere ragazze e ragazzi di tutta Italia nell’anno della Capitale della cultura europea


POLICORO - Percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro presso i comuni di Matera e Policoro e la Regione Basilicata. Progetti legati alla cultura, all’archeologia e  all’enogastronomia del territorio lucano, allo sport. Un decalogo sul turismo scolastico che favorisca il coinvolgimento delle studentesse e degli studenti del  territorio lucano e di tutto il territorio nel programma di Matera Capitale della Cultura 2019. Sono i contenuti dell’Accordo Quadro “Progetto culturale Basilicata-Matera 2019-Magna Grecia” siglato nella mattinata di lunedì 22 gennaio presso la sala consiliare del Comune di Policoro (Mt), dal Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Vito De Filippo, dal Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, dal Sindaco di Matera Raffaello Giulio De Ruggeri e dal Sindaco di Policoro Enrico Mascia. La firma dell’Accordo è avvenuta nel corso di una mattinata di dibattito e confronto sulle attività che verranno realizzate nel corso del 2019, anno in cui Matera sarà Capitale della cultura europea. Sono intervenuti, tra gli altri, l’Assessore alle Politiche di sviluppo, lavoro, formazione e ricerca della Regione Basilicata Roberto Cifarelli, la Presidente della Fondazione Matera 2019 Aurelia Sole e il Direttore generale degli Ordinamenti scolastici del Miur Maria Palermo. L’Accordo mira a promuovere e favorire gemellaggi e scambi scolastici e culturali a livello nazionale ed europeo; a organizzare convegni, seminari, corsi e manifestazioni che valorizzino il patrimonio dei territori coinvolti; a consentire a studentesse e studenti di effettuare percorsi di alternanza scuola-lavoro; a valorizzare il patrimonio artistico e culturale del territorio materano e dell’antica Magna Grecia lucana. "Già da tempo il Miur collabora con il sistema territoriale per un rapporto virtuoso affinché le istituzioni scolastiche possano al meglio contribuire alla valorizzazione del patrimonio culturale – ha dichiarato il Sottosegretario Vito De Filippo - Tra gli obiettivi di questo Accordo Quadro vi  è la partecipazione attiva delle nostre studentesse e dei nostri  studenti lucani alla creazione di percorsi culturali che la Basilicata intera, sulla scia di #Matera2019, può offrire alle scolaresche nazionali e internazionali".

Modarelli (Fi) soddisfatto por il ripristino della funzionalità dell’ascensore del “Fermi”


Con nota protocollata in data 11/12/2017 il Consigliere Provinciale di Forza Italia dott. Gianluca Modarelli chiedeva al Presidente della Provincia di Matera dott. Francesco De Giacomo la manutenzione dell’ascensore presente c/o il Liceo Scientifico “E. Fermi” di Policoro che conduce in palestra, al fine di poter garantire l’accesso anche a ragazzi che presentano problemi di disabilità. A un mese e mezzo di distanza, grazie all’impegno profuso e all’attenzione prestata dal consigliere provinciale Gianluca Modarelli (Forza Italia) sono stati eseguiti i lavori di manutenzione straordinaria del liceo in parola. In proposito, il Consigliere Provinciale dichiara: “Sono orgoglioso di aver portato a casa per l’ennesima volta questo risultato. Era ed è impensabile “isolare” (nel corso delle ore di educazione fisica) i ragazzi che presentano problemi di disabilità. Continuerò - conclude Modarelli - a mantenere sempre alta ed invariata la collaborazione instaurata con l’amministrazione provinciale, che ringrazio per aver promosso ed accolto, anche questa mia ulteriore iniziativa.

“Facciamo scuola”, Leggieri e Perrino al “Fermi” di Policoro


In occasione della presentazione del bilancio sociale della scuola, all’istituto ‘Enrico Fermi’ di Policoro è stata presentata anche l’attività didattica avviata utilizzando il contributo concesso tramite l’iniziativa “Facciamo Scuola”, finanziata col taglio delle indennità dei consiglieri regionali del Movimento cinque stelle Giovanni Perrino e Gianni Leggieri. Lo riferiscono gli stessi consiglieri, che si dicono orgogliosi dell’invito a partecipare all’evento e di aver contribuito concretamente a migliorare la qualità della didattica anche di questo istituto e ringraziano preside dell’istituto Giovanna Tarantino, il personale docente e i ragazzi per il carico di positività ed entusiasmo che hanno trasmesso loro. I consiglieri precisano che i 10 mila euro da loro donati alla scuola sono serviti per l’avvio del progetto “Lezioni 3.0”, che ha lo scopo di creare lezioni on line (interattive e non) monotematiche di discipline per favorire l’apprendimento a distanza. Con i laboratori sarà inoltre possibile creare video/audio lezioni online, interattive e non, a distanza, registrare lezioni da inserire sul cloud, valutare i processi di apprendimento attraverso strumenti di verifica con l’applicazione di specifiche tecnologie. Si tratta di un approccio moderno alla didattica – aggiungono i consiglieri - che va ad arricchire l’offerta di un istituto scolastico che, nonostante le mille difficoltà del mondo della scuola, riesce ad essere dinamico ed a garantire un’offerta formativa al passo coi tempi e con le sfide del futuro. L’auspicio è quello di vedere, nel prossimo futuro, le istituzioni al fianco di studenti ed insegnanti, non per dispensare pacche sulle spalle ma per rendere attuabili le imprescindibili attività didattiche, destinando più risorse economiche alla formazione, abbandonando definitivamente le logiche ragionieristiche per sposare quelle di un’autentica crescita culturale delle persone. È più che mai necessario - concludono Perrino e Leggieri - puntare su scelte all’altezza delle sfide che si prospettano all’orizzonte per le nuove generazioni.

La festa del Piano nazionale scuola digitale al Fermi di Policoro


 Anche quest’anno l’Istituto di Istruzione Superiore “Enrico Fermi” di Policoro partecipa alla “Festa del Piano Nazionale Scuola Digitale”, con una tre giorni di eventi in programma presso la sede dell’Istituto dal 18 al 20 gennaio. Esperti del campo dell’innovazione incontreranno studenti, famiglie e associazioni culturali. Prima attività in programma, per il 18 alle ore 11, è il “Debate”. Gli studenti si confronteranno su questo modello di public speaking trattando il tema “Smartphone in classe: sì o no?”. Si prosegue alle ore 15 con il “Caffè Digitale”: un momento di confronto tra gli studenti e alcuni esperti informatici del territorio, tra cui Paride Rinaldi, esperto di Web Tv e, in videoconferenza, il professor Paolo Gull dell’Università del Salento, esperto in Sistemi informativi geografici, soluzioni geospaziali e di geolocalizzazione. Gli appuntamenti continuano nel pomeriggio del 19. Per l’occasione, alle ore 17, studenti e genitori parteciperanno all’incontro “Il mio Pnsd nel Ptof”, che prevedrà l’illustrazione delle principali azioni educative realizzate dall’IIS Fermi nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale. Interverranno il Dirigente Scolastico, professoressa Giovanna Tarantino; l’animatore digitale della scuola, professoressa Magda Minervini; il professor Pino Suriano, referente Cyberbullismo. A seguire lo studente rumeno Radu Valentin Ghiurcanas, tra gli 11 speaker selezionati per il #TedxYouthBologna, spiegherà, con modello comunicativo Ted, come le nuove tecnologie e l’esperienza scolastica gli abbiano permesso di avvicinarsi alla cultura del suo paese d’origine pur vivendo Italia. Il 20 gennaio “Show & Tell”: l’Istituto aprirà le porte a gruppi di docenti, famiglie e studenti, per guidarli nella visita degli ambienti innovativi e per far conoscere i processi di innovazione digitale attraverso dimostrazioni pratiche con il protagonismo degli allievi del Fermi.

Lega Consumatori: sportelli a Tursi, Policoro, Nova Siri e Aliano


“Tutelare i cittadini e garantire i diritti dei consumatori è il nostro dovere”, è questo l’obiettivo della Lega Consumatori Basilicata che continua a radicarsi nel territorio e ad ampliare il suo raggio di azione. A tal fine – è evidenziato in un comunicato - si è riunito sabato mattina a Policoro, nei locali di PoliOffice, un incontro che ha sancito l’apertura di quattro nuovi sportelli della Lega Consumatori in altrettanti comuni lucani: Aliano, Nova Siri, Policoro e Tursi. All’incontro hanno partecipato anche il presidente regionale Giambattista Mazzei, che ha coordinato i lavori, e il responsabile tecnico Grazia Maria Moramarco, che ha dato preziose indicazioni pratiche sulle attività da svolgere. Presenti anche i nuovi associati e i responsabili dei vari comuni: Leandro Domenico Verde, Maria Grazia Campese, Marianna Laita, Pietro Antonio Laragione, Francesco D’Onofrio, Maria Teresa Stigliano, Pina Ruggiero e Antonio Vitale. La Lega Consumatori è un'associazione apolitica ed apartitica, nata nel 1971 e costituita su base volontaria e finanziata dalle sole quote associative. I suoi scopi rientrano fra quelli riconosciuti e protetti dalla Legge 281/98 che tutela i diritti dei consumatori e degli utenti. Da anni è attiva anche in Basilicata e la sede regionale è a Bernalda. E’ possibile associarsi per l’anno 2018 e per qualsiasi informazione i responsabili sono a disposizione dei cittadini. Nei prossimi mesi seguiranno incontri informativi sul territorio per far conoscere tutte le tutele che i cittadini possono avere grazie alla Lega Consumatori in materia di: telefonia, Rc auto e sinistri, Luce e gas, Trasporti, Acqua, Banche e servizi finanziari, Turismo, Poste, ecc. “L’apertura di questi sportelli è un ulteriore passo avanti per la tutela dei consumatori” afferma in conclusione Mazzei che invita i cittadini ad informarsi su quali sono le opportunità che la Lega Consumatori offre per la difesa dei cittadini. Per maggiori informazioni visitare il sito internet: http://www.legaconsumatoribasilicata.org.

Nominati i vertici della sanità lucana


La Giunta regionale ha deliberato in serata la nomina dei commissari straordinari in seno all’Azienda ospedaliera San Carlo e alle due aziende sanitarie provinciali di Matera e Potenza. A guidare il San Carlo sarà il dott. Rocco Maglietta, già direttore della medesima azienda. Commissario dell’Asm è stato nominato l’attuale direttore generale, dott. Pietro Quinto. Invece, a guidare l’Asp sarà il dott. Giovanni Chiarelli, già direttore amministrativo del Crob di Rionero. Nella stessa seduta il governo regionale ha nominato il dott. Giovanni Bochicchio, già direttore generale dell’Asp, nuovo dg del Crob con contratto triennale.

giovedì 11 gennaio 2018

La Regione Basilicata riconosce la fiera “Expo Policoro”


La commissione consiliare regionale ha espresso parere favorevole a maggioranza (hanno votato favorevolmente i consiglieri Robortella, Lacorazza, Giuzio e Santarsiero –Pd e Soranno –Pp; si sono astenuti i consiglieri Benedetto –Cd, Romaniello –Gm e Perrino –M5s) su una delibera di Giunta regionale che attribuisce la qualifica di “Fiera generale regionale” alla manifestazione fieristica denominata “Expo Policoro”. “L’evento fieristico – si legge nella richiesta di autorizzazione da parte di ‘Eraclea eventi’ – fa parte di un progetto complessivo che l’azienda ha inteso promuovere al fine d’accompagnare lo sviluppo delle attività economiche e produttive locali, lo sviluppo delle relazioni commerciali ed economiche regionali, nazionali e dei processi produttivi. L’evento si svolgerà nel mese di agosto di ogni anno e nei giorni antecedenti il 15 agosto”.

Policoro Ideale: nel degrado ingresso Policoro Sud


“L’ingresso Policoro sud è nel degrado, si intervenga subito rispetto alle aree abbandonate, di proprietà comunale e di privati, sotto il castello baronale. La cartolina d’ingresso che dovrebbe essere la più bella in assoluto, vista la presenza del castello baronale è compromessa dallo stato di abbandono e degrado di una vasta area di proprietà del comune di Policoro, in passato utilizzata dall’Ing. Massocchi Giansilvio per la sede della sua azienda di costruzioni, da anni inutilizzata, priva di una manutenzione necessaria, oltre alla presenza di amianto, nocivo per la salute pubblica e gestita dal liquidatore dell’azienda storica policorese. Sono venute meno le ragioni dell’assegnazione in uso del passato, l’area torni nella piena disponibilità comunale e sia oggetto di un ripensamento funzionale”. Lo afferma in un comunicato stampa il movimento Policoro Ideale. “La presenza di attività ricettive, il parco archeologico ed il castello baronale impongono azioni “urgenti”, accompagnate da una richiesta “ferma e determinata” all’Anas, per il completamento della complanare, con la realizzazione del ponte sull’Agri da e per Scanzano Jonico e la necessaria mascheratura fonoassorbente per limitare il rumore e farlo rientrare nei limiti di legge. E’ tempo che il Comune di Policoro ritorni nella piena disponibilità di quelle aree, intervenendo con un progetto di rinaturalizzazione a verde, per il decoro dell’immagine della nostra città. Un parco tematico, in continuità rispetto al primo percorso dei Giardini Murati potrebbe ridare lustro al gioiello di famiglia, il castello baronale, ma prima di ogni altra cosa – conclude il comunicato - si provveda con urgenza a bonificare l’intera area e a ristrutturare gli edifici per una nuova destinazione polifunzionale”.

martedì 26 dicembre 2017

On. Cosimo Latronico (DI) su Parco della Magna Grecia


“Un altro passo concreto in vista delle realizzazione del ‘Parco della Magna Grecia’. In occasione della ultima legge di stabilità è  stato integrato il fondo per il sostegno delle azioni di valorizzazione dei beni culturali , archeologici ed ambientali del comprensorio ricadente nella Magna  Grecia con una dotazione  di 500 mila euro che si aggiungono al milione e 200 mila euro già stanziati con il decreto legge Mezzogiorno e messo a bando di recente dal Ministero  dei Beni Culturali”. Lo ha dichiarato l’on. Cosimo Latronico (DI). “Si tratta di risorse aggiuntive prese dal bilancio del Ministero  dell'Economia, per proseguire il consolidamento di un programma di sostegno della progettazione del sistema territoriale della Magna Grecia connesso con il progetto di Matera capitale europea della cultura. Un'altra conferma dell'interesse che l'alleanza della città lucana   e della Magna  Grecia suscita nel Paese  per il valore e la consistenza delle emergenze culturali, archeologiche ed ambientali. Entro il 31 gennaio prossimo gli enti locali potranno candidare al Mibact le proposte  per finanziare una banca di progetti che a loro volta potranno intercettare programmi regionali, nazionali ed europei . Sono certo che i Comuni  della area Metapontina e Matera sapranno cogliere questa importante opportunità – ha concluso Latronico - proseguendo  una alleanza operativa costituita nei mesi scorsi, con l'obiettivo di progettare  un sistema territoriale integrato che abbia l'ambizione di potenziare l'offerta culturale ed estendere le ricadute del dinamismo della Città dei Sassi a tutto il territorio Metapontino”.

Il prof. Serianni ospite della scuola “Giovanni Paolo II”


Il prof. Luca Serianni, ordinario di Storia della lingua italiana nell’Università “La Sapienza” di Roma e dottore honoris causa dell’Università Spagnola di Valladolid, nonché socio nazionale dell’Accademia dei Lincei, della Crusca e dell'Arcadia, è stato l’ospite d’onore, ieri sera, all’istituto comprensivo “Giovanni Paolo II”, presso la sala consiliare del Comune di Policoro.
Il professore ha incontrato gli studenti per discutere di Lingua Italiana e come oggi la modernità l’ha trasformata in un linguaggio plurale e virtuale, da cui trapelano emozioni non reali: una grande lezione di professionalità e di alto respiro culturale.
La serata è stata vivacizzata inizialmente dalle domande dei docenti e degli studenti sull’importanza della Lingua Italiana e successivamente si è dato spazio alla meritocrazia: premi ed elogi agli alunni che si sono distinti nello studio e in concorsi anche fuori regione.
Oltre al linguista e filologo italiano, erano presenti il sindaco della città di Policoro, dott. Enrico Mascia e Il Dirigente dell’Ufficio del MIUR, dott.Nicola Caputo.

La Dirigente Scolastica , la prof.ssa Maria Carmela Stigliano, ha esordito: “Una serata importante per far conoscere agli studenti e ai docenti le diverse sfumature della lingua italiana con uno storico di fama nazionale e per mettere in risalto le eccellenze della nostra scuola al fine di dare uno slancio maggiore ai nostri studenti nei diversi gradi dell’istituto e per stimolarli ad impegnarsi sempre di più nel raggiungere traguardi prestigiosi nello studio e nella vita futura.”

lunedì 25 dicembre 2017

Policoro: il 27 dicembre "C’era una volta in Basilicata"

Si svolgerà il 27 dicembre, dalle ore 21.00, in p.zza Heraclea in Policoro, la 3° edizione di “C’era una volta in Basilicata – Storia ed Identità Lucana: Antichi mestieri organizzata dall’ass.ne culturale Siddharta presieduta da Antonio Orlando, già ideatore di diversi eventi internazionali come Le macchine di Leonardo da Vinci in 3D e la mostra JPII - esposizione di oggetti personali di Giovanni Paolo II in collaborazione con l’Archivio Segreto del Vaticano), ideatore e conduttore del programma televisivo nazionale voxLIBRI.
Lo comunica l'associazione con una nota. L’evento sarà animato dagli artigiani del posto che eseguiranno rigorosamente dal vivo gli antichi mestieri (banditore, ciabattino, cestaio, maniscalco, la prefiche ovvero coloro che piangevano ai funerali, etc..) teso a riscoprire la validità dei processi lavorativi ormai dimenticati.
"Se da un lato - si legge nella nota - c’è la riscoperta dei lavori artigiani (utili per tutti) dall’altro, il carattere antropologico e sociale dell’evento, tende ad arricchire il cartellone degli eventi messi in campo dalla nuova amministrazione comunale in veste delle festività natalizie. Sociale anche da un punto di vista effettivo: quest’anno ad arricchire l’evento ci sarà l’Anffas (associazione di genitori con figli di disabilità intellettiva e relazionale) che delizierà, il palato della piazza, con le Crispelle dell’Anffas. Impressionante le adesioni di pubblico nelle prime due edizioni, e le richieste per questa terza".

Gruppo Avanti Policoro su tassa di soggiorno


"Dopo 3 anni, finalmente il Governo centrale ha sbloccato la possibilità per i Comuni di istituire la Tassa di soggiorno. Uno strumento utilissimo se saputo usare bene. Infatti, gli introiti generati da tale tassa per legge sono destinati ad interventi in tema di turismo, tema che spesso rischia però di essere interpretato in senso molto ampio, sopratutto quando manca una programmazione turistica, ma ancor di più quando manca anche l'assessorato al turismo. Ecco perché, oggi diventa importante strutturare al meglio il regolamento che istituirà la tassa, essere chiari e precisi sull'utilizzo che dev'essere fatto delle risorse, per evitare assalti alla diligenza come spesso avviene". E' quanto afferma con una nota il gruppo civico "Avanti Policoro".
"Noi siamo convinti - prosegue la nota - che la tassa di soggiorno debba essere una fonte di finanziamento esclusiva per le esigenze legate alla zona Lido, introducendo nel regolamento un vincolo di destinazione legato alla manutenzione del lungomare, percorso vita, passerelle, collettivo di salvataggio e gli altri servizi che necessitano di un fonte di finanziamento specifica, ipotizzando anche una suddivisione tra le finalità, ad esempio 70% in manutenzione e 30% in servizi. Coerentemente con questa impostazione, anche i parcheggi a pagamento devono essere implementati con tali vincoli. Questa è la differenza tra "fare" cassa e "strutturare" un settore". "Non solo, la tassa di soggiorno può essere - si legge infine -  anche un importante strumento di cooperazione territoriale, infatti, tra gli obiettivi della Convenzione "Costa del Metapontino" che unisce i comuni costieri ionici lucani, vi è anche il coordinamento delle politiche fiscali in ambito turistico. La tassa di soggiorno, quindi, è un importante tassello programmatico per un territorio che in questi anni ha avviato un percorso di sviluppo nel settore. Armonizzare le tasse di soggiorno è un passo obbligatorio. Il turismo, oggi più che mai, necessita di una seria programmazione che persegua la strada intrapresa in questi anni, strutturando le regole in funzione di un territorio più ampio con il quale si è riconosciuti sul mercato turistico. Anche perché il Metapontino continua ad essere un'area sempre meno interessata dalle politiche regionali. Ecco, dunque, come la cooperazione tra i comuni anche su temi come la tassa di soggiorno, può diventare un momento ulteriore di unione e di programmazione".

domenica 17 dicembre 2017

Policoro, incontro con operatori turistici su imposta di soggiorno

"Il 9 dicembre nella Sala consiliare di Policoro si è svolto un incontro tra l’Amministrazione comunale alla presenza del Sindaco Enrico Mascia, dell’Assessore al Bilancio Giovanni Trifoglio e dei Consiglieri comunali di maggioranza, Patrizia Costanza e Nicola Celano, con gli operatori turistici e le associazioni di categoria del settore. In questa sede l’Assessore al Bilancio ha illustrato la bozza di regolamento sull’imposta di soggiorno che il Comune intende adottare con decorrenza dal prossimo anno e per l’intera durata dell’anno solare”. Lo rende noto la Segreteria del Sindaco precisando che: “L’imposta di soggiorno non riguarda i residenti, ma viene corrisposta dai turisti che alloggiano nelle strutture ricettive esistenti sul territorio comunale. Inoltre, l’utilizzo di tali somme è per legge vincolato al finanziamento di un’ampia serie di interventi in materia di turismo, compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali, nonché dei relativi servizi pubblici. L’incontro – conclude la nota - si è svolto nell’ambito del tavolo permanente, istituito dall’Amministrazione per concertare le attività indirizzate verso l’ottimizzazione delle iniziative nel settore turistico”.

Policoro, il sindaco visita il Centro decontaminazione dell'Asm

Nei giorni scorsi presso il P.O. di Policoro si è svolto un importante incontro tra il sindaco  Enrico Mascia e il Direttore  Sanitario degli ospedali per acuti di Matera e Policoro, Gaetano Annese. Presenti anche il Direttore Amministrativo Rocco Ierone, il consigliere comunale  Tommaso Buono e  Francesco Riccardi Responsabile della Direzione Sanitaria dell’Ospedale. Motivo dell’incontro - si legge in una nota dell'amministrazione comunale di Policoro - è stata la visita al Centro di Decontaminazione, situato al piano terra del nosocomio policorese. Il Centro è stato all’epoca istituito con lo scopo di assistere  coloro che in attività di lavoro presso il Centro Itrec, se feriti e contaminati, devono essere decontaminati prima di avere accesso alle cure del Pronto Soccorso e ai reparti e servizi dell’ospedale. Il Centro è oggetto di periodiche verifiche tecniche per quanto riguarda lo stato complessivo della struttura al fine di mantenerne l’operatività; la formazione e preparazione specifica del personale medico e paramedico è oggetto di aggiornamento periodico. La dotazione di alcuni farmaci specifici per casi di contaminazione è regolarmente ripristinata a seconda delle scadenze. Il dottor Annese sottolinea che la formazione del personale sanitario è costantemente effettuata dall’ASM con il concorso di Sogin e il supporto dell’esperto qualificato dell’ASM. Il Centro  è dotato di un contatore Geiger, in grado di rilevare il livello di contaminazione radioattiva. Il Centro è dotato di  impianti specifici di purificazione e filtraggio dell’aria, da un lavabo oculare, da docce e servizi sanitari  i cui reflui confluiscono in uno scarico dedicato esclusivamente al Centro. Continua l’impegno dell’amministrazione intraprendendo ogni utile iniziativa nei confronti di Enti e Istituzioni per approfondire e acquisire elementi cognitivi in merito alla nota problematica denunciata da Sogin nel 2015.