lunedì 17 luglio 2017

Iniziata ufficialmente la legislatura di Enrico Mascia


POLICORO – Sabato sera 15 luglio si è aperta ufficialmente la nuova legislatura guidata dal neo sindaco Enrico Mascia (centro sinistra), vittorioso al ballottaggio del 25 giugno contro il primo cittadino uscente Rocco Leone (centro destra). La massima assise comunale si è riunita nel Palazzo di città per gli adempimenti di rito previsti dalla legge sugli enti locali. Così lo stesso Mascia ha prestato giuramento davanti al Consiglio comunale composto da 17 consiglieri, 11 di maggioranza e 6 di minoranza. Poi la scaletta dei lavori ha visto l’elezione a scrutinio segreto del presidente del Consiglio, carica istituzionale che da statuto dura 2 anni e mezzo. Alla prima votazione è uscito il nome nella persona di Domenico Ranù (Pd), che ha ottenuto 11 voti, presumibilmente tutti quelli della sua maggioranza. Lo stesso ha prestato giuramento sostenendo che si impegnerà per far funzionare le commissioni consiliari, filtro del consiglio; cercherà il massimo coinvolgimento dei cittadini nelle sedute dello stesso consiglio e quando si tratterà di confrontarsi su tematiche di interesse generale. Infine ha aggiunto che i problemi importanti saranno discussi nella massima assise consiliare. A coadiuvarlo nel dirigere i lavori saranno: Benedetto Gallitelli (Uniti per Policoro) vice presidente vicario, mentre l’altro vice presidente è Giuseppe Maiuri (Policoro futura). La sala consiliare era piena di gente che aspettava i nomi della Giunta. Così nell’ultimo punto all’ordine del giorno lo stesso Mascia ha comunicato i suoi collaboratori: Gianluca Marrese (Pd), vice sindaco con delega all’Ambiente e Urbanistica; Valentina Celsi, stesso partito, assessore alle Politiche sociali e Cultura; Giovanni Trifoglio, esterno quota sindaco, al Bilancio; Alessandro Razzante (Alleanza di centro), Agricoltura e Attività produttive; Daniela Di Cosola (Casa dei moderati) ai Lavori pubblici. Da oggi in poi, composta la squadra di governo, l’esecutivo Mascia è nel pieno delle sue funzioni. Infatti lo stesso sindaco ha voluto ribadire quanto già detto in campagna elettorale: sarà il sindaco della pacificazione, del fare e dell’ascolto e laboratorio di proposte e progetti. La minoranza nell’augurare buon lavoro alla nuova Giunta e consiglieri tutti ha rimarcato il proprio ruolo con i distingui del caso. Gianni Di Pierri ha ribadito la convergenza politica sui punti programmatici in comune, ma nello stesso tempo ha puntualizzato che il suo gruppo di tre consiglieri è all’opposizione; mentre Rocco Leone, anch’egli con i suoi tre consiglieri, ha affermato che lascia una macchina ben oliata e sui temi dove si gioca il futuro della città, zona D/7 e piano d’Ambito, è pronto a dare battaglia.
Gabriele Elia

(fonte il Quotidiano del Sud)

giovedì 13 luglio 2017

Traversata in canoa da Taranto a Crotone nel nome della Magna Grecia


POLICORO – Da Taranto a Crotone alla scoperta dei fasti delle colonie greche sulle orme di Pitagora nel progetto “Rinascita Magna Grecia”. Sabato 8 luglio Francesco Mazzacoco, 56 anni di Catanzaro, è partito dalla città di Taranto, altro capoluogo di provincia con origini greche e spartane in particolar modo, alla ricerca di quell’unità comprensoriale che la storia unisce ma spesso la politica divide. L’idea è nata grazie a due associazioni calabresi, “Calabria, un mare d’amore” e “Nuova scuola pitagorica”, di percorrere a tappe in 250 chilometri un territorio accomunato dalle stesse radici. Così dopo essere salpato dalla città dei due mari, Taranto, sabato 8 luglio, Mazzacoco ha fatto tappa a Metaponto nella stessa giornata; mentre domenica si è fermato, per la seconda volta, in un’altra colonia della gloriosa Magna Grecia, Policoro. In particolare è stato ospite del lido “Veliero”, lungomare destro della Duna attrezzata di via Lido e soggiornato nell’ostello della gioventù dove egli stesso ci riferisce si è trovato molto bene e accolto come se fosse un policorese doc. Lunedì a bordo della sua canoa ha proseguito la traversata che lo porterà a Crotone verosimilmente il 15 toccando altre località di origini greche come:  Amendolara, Sibari, Mirto, Torretta Crucoli, Cirò e infine Crotone per l’appunto. Un viaggio appassionante non solo nella storia ma anche nell’attualità di un comprensorio dalle cui radici sono sorte città che brillano di luce propria, senza dimenticare la fiammella dalle quali nascono e le cui vestigia si possono ammirare nei musei cittadini e impresse nella toponomastica comunale. Il progetto ha visto impegnata anche un’altra canoista, Vanessa Cardamone, la quale è partita da Reggio Calabria con tappa finale sempre a Crotone dove si incontrerà con Francesco il 15 luglio.
Gabriele Elia

(fonte il Quotidiano del Sud)

Protocollo di intesa Cvl-Miur sul turismo scolastico


POLICORO – Lunedì 10 luglio presso il lido “La Duna” del lungomare centrale di Policoro è stato siglato il protocollo d’intesa tra il Circolo velico lucano (Cvl) e il Muir (Ministero dell’università e ricerca scientifica) rappresentato per l’occasione del sottosegretario lucano Vito De Filippo (Pd). L’ex Governatore della Regione Basilicata ha spiegato che con l’introduzione nel decreto sulla Buona scuola di qualche anno fa dell’alternanza scuola-lavoro, nel 2016 circa un milione di studenti italiani hanno potuto sperimentare l’importanza formativa del nuovo strumento didattico e per i prossimi anni saranno un milione e mezzo i ragazzi beneficiari dell’alternanza scuola lavoro. E in questa direzione va il protocollo di intesa dove il Cvl, struttura ricettiva per studenti operativa dalla metà degli anni ’80 a Policoro, si candida per l’ospitalità di studenti e scuole in un percorso educativo in cui il piatto forte è la vela, ma senza trascurare lo studio del territorio attraverso l’archeologia, la storia e la tutela dell’ambiente. Infatti De Filippo ha evidenziato nel suo intervento come il Cvl sia ormai una realtà leader nel settore per accoglienza, professionalità e la formazione nel settore, oltre a dare risposte positive ad un genere di turismo: quello studentesco. Il protocollo d’intesa avrà una durata di tre anni e si inserisce, come ha asserito Sigismondo Mangialardi fondatore del Cvl, in un contesto più ampio di valorizzazione del territorio lucano e delle sue eccellenze, prima fra tutte il fondamentale appuntamento di Matera 2019 dove tutti gli attori principali del turismo si devono far trovare pronti. E a tal proposito Mangialardi spera che la Regione investa nella formazione professionale e nelle infrastrutture necessarie per evitare brutte figure. Altro tema oggetto della discussione nella presentazione del protocollo di intesa è il costituendo Parco della Magna Grecia, di cui Mangialardi è stato il primo sostenitore, che serve a mettere a sistema tutte le peculiarità del territorio. Un saluto è stato portato dal neo sindaco della città di Policoro, Enrico Mascia (Pd), il quale ha sostenuto la necessità di fare rete tra tutti gli operatori, la variegata offerta dei turismi presenti, costa ed entroterra, e di conseguenza dei territori che li rappresentano. Alla stipula del protocollo di intesa c’erano diversi amministratori locali del circondario ed aree interne.
Gabriele Elia

(fonte il Quotidiano del Sud)

sabato 8 luglio 2017

Arrestati due giovani



POLICORO - Due giovani del posto sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Policoro in seguito ad alcune segnalazioni di furti nelle automobili parcheggiare nei pressi del lungomare centrale

Chiuso Oro hotel

POLICORO - L'estate appena cominciata si apre con una brutta notizia sul fronte turistico: l'Oro hotel è chiuso. All'origine ci sarebbe una crisi finanziaria del gruppo pugliese che lo gestiva.

Incendi a Policoro, Castelluccio: campanello allarme

 “I diversi focolai di incendio divampati ieri a Policoro sono un preoccupante campanello d’allarme che devono rafforzare ogni azione prevista dal sistema locale e regionale di Protezione civile e dal piano regionale antincendi boschivi”. E’ quanto afferma il vice presidente del Consiglio regionale Paolo Castelluccio (Pdl-Fi) sottolineando “l’importante lavoro dei vigili del fuoco, delle forze dell’ordine, della polizia locale, volontari, dipendenti del Comune che hanno evitato danni maggiori e rischi diretti a persone”. “Non si può però non rilevare che invece di far arrivare i canadair da aeroporti lontani anche in questo caso – aggiunge Castelluccio – si segnala l’utilità multifunzionale della struttura aeroportuale di Pisticci che, attraverso la Winfly, come è noto, si è candidata a diventare base aerea operativa per i servizi antincendi, di avvistamento e di monitoraggio ambientale con il vantaggio dell’immediatezza per ogni intervento. I mezzi aerei messi a disposizione dal dipartimento nazionale protezione civile sono pochi specie in una fase che registra incendi in numerose aree del Paese e per questo lo stesso dipartimento ha invitato la nostra ed altre Regioni a dotarsi di una propria flotta aerea di servizio”. “L’auspicio è che – continua – gli incendi di Policoro, dopo quelli della scorsa settimana a Metaponto e Nova Siri e ancor prima quello di Maratea, possano adeguare il nostro sistema regionale di protezione civile utilizzando l’aviosuperficie di Pisticci che, secondo la proposta Winfly, non solo garantisce efficienza ed efficacia di intervento ma anche riduzione di spese”. Nel sostenere che “destano preoccupazione le parole del sindaco di Policoro Mascia sull’origine ‘presumibilmente dolosa’ degli incendi”, Castelluccio ricorda che “nel mese di gennaio scorso  una deliberazione di giunta regionale ha accolto l’indicazione della precedente Giunta comunale di Policoro nella scelta di un’area di 16.800 mq in via Umbria, di proprietà dello stesso Comune  quale  nuova area nel Comune di Policoro con finalità di protezione civile, all’interno del centro abitato tra il secondo e il terzo piano di zona in adiacenza al PalaErcole (già sede del Centro operativo municipale) e alla sede comunale”.
“Per poter soddisfare ogni  necessità di intervento – evidenzia il vice presidente del Consiglio regionale – occorre innanzitutto definire gli scenari di rischio sulla base della vulnerabilità della porzione di territorio interessata (aree, popolazione coinvolta, strutture danneggiabili, etc.) al fine di poter disporre di un quadro globale ed attendibile relativo all’ evento atteso e quindi poter dimensionare preventivamente la risposta operativa necessaria al superamento della calamità con particolare attenzione alla salvaguardia della vita umana. Il Piano è dunque uno strumento di lavoro tarato su una situazione verosimile sulla base delle conoscenze scientifiche dello stato di rischio del territorio, aggiornabile e integrabile non solo in riferimento all’elenco di uomini e mezzi, ma soprattutto quando si acquisiscano nuove conoscenze sulle condizioni di rischio che comportino diverse valutazioni degli scenari, o ancora quando si disponga di nuovi o ulteriori sistemi di monitoraggio e allerta alla popolazione”. Per Castelluccio “a livello comunale, si rende necessario arrivare ad un maggiore dettaglio che consenta agli operatori delle varie componenti della Protezione civile di avere un quadro di riferimento corrispondente alla dimensione dell’evento atteso, della popolazione coinvolta, della viabilità alternativa, delle possibili vie di fuga, delle aree di attesa, di ricovero, di ammassamento e così via. Considerato che il rischio presente in un territorio può fare riferimento a diverse tipologie di evento (incendi, alluvioni, terremoti, frane) il Piano deve prevedere uno o più ‘scenari di rischio’, a cui debbono o possono corrispondere diverse tipologie di intervento”. “Il concetto-chiave della pianificazione di emergenza – conclude – è comunque cercare di prevedere tutto, ma tuttavia occorre essere consapevoli che sarà sempre possibile in ogni emergenza, dover affrontare qualcosa di non previsto, pertanto occorre la massima flessibilità e contemporaneamente la capacità di creare i presupposti (ad esempio attraverso le esercitazioni) affinchè anche in questi casi  come è accaduto con gli incendi vi siano le migliori condizioni di messa in sicurezza della popolazione”.



giovedì 6 luglio 2017

I Ragazzi Speciali scelgono le Candonga Fragola Top Quality® per le loro conserve

Gli amanti della Candonga Fragola Top Quality® saranno ben lieti della notizia: da oggi potranno gustare la loro fragola preferita, trasformata in diversi prodotti realizzati dai Ragazzi Speciali Onlus.
“Il Club Candonga –spiega Carmela Suriano Ceo del consorzio - ha voluto supportare il lavoro quotidiano di un gruppo di ragazzi diversamente abili, avviando una collaborazione con i Ragazzi Speciali Onlus della Conserveria di Castiglion Fiorentino (Arezzo). I soci del Club - continua Suriano- hanno accolto con grande gioia la richiesta dei ragazzi della Onlus di utilizzare la Candonga Fragola Top Quality® per realizzare i loro prodotti a base di fragola. L’accordo prevede la fornitura gratuita delle fragole da parte dei soci del Club e l’utilizzo da parte della Conserveria del marchio Candonga Fragola Top Quality® “.
“La Conserveria- spiega Sara Rapini presidente della Onlus- è un laboratorio di trasformazione alimentare che nasce per creare occupazione utile a ragazzi diversamente abili (in prevalenza autismo); fin da subito abbiamo puntato a realizzare prodotti di qualità, in questi due anni abbiamo creato una vasta gamma di prodotti innovativi legati al territorio italiano sia per le ricette che per i prodotti esclusivamente di stagione. La grande valenza del progetto infatti consiste proprio nel dare un senso alla giornata con la continuità di un impegno di tutte le mattine e in un contesto lavorativo dignitoso e al tempo stesso con il rispetto delle diverse abilità. - In riferimento alla collaborazione con il Club Candonga, la presidente Rapini dice- Con molto piacere abbiamo ricevuto direttamente dal consorzio della Candonga Fragola Top Quality® un graditissimo carico di queste profumatissime e gustosissime “perle rosse”. I nostri ragazzi oltre ad essere entusiasti per la mole di cassette ricevute, si sono attivati per trasformarle in ottimi prodotti dalla confettura extra, al succo estratto a freddo, allo sciroppo non alcool, alle fragole sciroppate e ultima scoperta la salsa adatta alle farciture per il gelato e non solo.- Conclude la Presidente della Ragazzi Speciali Onlus- Ringraziamo davvero di cuore la presidente del consorzio, Carmela Suriano, e chi ci ha fatto arrivare un prezioso super bancale di Candonga Fragola Top Quality® ”.
Le conserve di Candonga Fragola Top Quality® trasformate dai Ragazzi Speciali, sono disponibili presso la sede de La Conserveria (Via del Piano, 32, Castiglion Fiorentino, Arezzo) e presso il mercato agricolo delle Logge del Grano ad Arezzo. Da metà luglio in poi, i prodotti si potranno acquistare anche sull’e-commerce della Onlus al sito laconserveria.it.

Chiuso il cerchio sulla Giunta Mascia. Mancano solo i nomi


POLICORO – Lunedì 3 luglio, salvo contrattempi, il neo sindaco della città jonica, Enrico Mascia (indipendente/centro sinistra), terrà il comizio di ringraziamento in piazza Eraclea in prima serata. Nella stessa giornata difficilmente presenterà la nuova Giunta esecutiva anche se l’accordo è stato trovato e mancano solo alcuni dettagli. Nella settimana post voto ci sono stati vari incontri tra le forze politiche della maggioranza uscita vincitrice dalle urne ed è stato individuato il criterio politico, mentre sui nomi c’è ancora qualche riserva. Il primo partito della città, il Pd, dovrebbe avere due postazioni nell’Esecutivo; un assessore toccherà all’Alleanza di centro, che non sarà l’unico consigliere eletto, Giuseppe Montano, ma un esterno. Idem per la Casa dei moderati dove il consigliere Pasquale Carrera rimarrebbe in Consiglio lasciando la delega assessorile a Daniela Di Cosola. La lista che fa capo al primo cittadino, Uniti per Policoro, pur avendo tre seggi nel Palazzo di città non sarebbe rappresentato nel Governo cittadino in quanto ha già lo stesso sindaco, massima espressione della comunità. Ma la novità rilevante sarebbe l’alleanza organica di Gianni Di Pierri col centro sinistra. Infatti l’indicazione di voto data da Di Pierri (3200 voti circa al primo turno) durante il ballottaggio, poi risultato decisivo ai fini della vittoria finale di Mascia, varrà al legale, consigliere comunale di minoranza uscente, due postazioni importanti nell’esecutivo: la presidenza di Consiglio, presumibilmente Giuseppe Maiuri, e un assessorato che potrebbe anche non essere quello all’Agricoltura ma al Turismo. Ma a prescindere dalla delega il nome sarà quello di un esterno, forse donna, che farà il paio con la Di Cosola nelle quote rosa, due, previste per legge nei Comuni con il target demografico di Policoro. Entrando così in maggioranza i tre consiglieri di Di Pierri (l’altro è Carmine Agresti), il centro sinistra allargato avrebbe 14 consiglieri (11 di centro sinistra, compreso Mascia) lasciando l’opposizione con soltanto 3 consiglieri. Insomma una maggioranza bulgara che non si vedeva a Policoro dal 1990 quando l’allora Dc ottenne circa il 75% dei voti e 24 seggi su 30 totali. Ora qualcuno degli eletti farà sicuramente gli scongiuri del caso visto che il monocolore Dc dopo appena due anni fu costretto alle dimissioni per le insanabili divisioni interne e per la mini tangentopoli locale. Una simile maggioranza alla vigilia del voto nessuno l’avrebbe immaginata, ma sono le regole del sistema elettorale, sia perché dal primo turno è uscita una città spaccata in tre e sia perché al ballottaggio Mascia ha vinto per appena 131 voti sul sindaco uscente Leone. E in tema di ricorsi storici, più o meno con gli stessi voti nel 1993 Antonio Di Sanza (Progresso civico) fu sconfitto da Mario Arbia (Alleanza Popolare). Ultima curiosità: Enrico Mascia è sindaco nella stessa città in cui suo suocero, Pasquale Di Brizio, è stato segretario generale del Comune per tanti anni, soprattutto quelli della gestione Nicola Montesano.
Gabriele Elia 

(fonte il Quotidiano del Sud)

domenica 2 luglio 2017

Nel week end festa di San Giovanni Battista

I festeggiamenti si terranno sabato 1 e domenica 2 luglio; previsto un denso programma religioso e civile.
Per quanto riguarda gli appuntamenti religiosi, sabato alle ore 18, in piazza Padre Minozzi, si terrà la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo della diocesi di Tursi-Lagonegro, monsignor Vincenzo Orofino, e da tutti i sacerdoti della città; nel corso della funzione, animata dal gruppo del  Rinnovamento nello Spirito, saranno ordinati tre nuovi diaconi, appartenenti alla Famiglia dei Discepoli.
A seguire ci sarà il concerto-testimonianza di Letizia Centorbi. La giovane cantautrice siciliana presenterà le sue canzoni, raccolte nel suo primo album “Mir Mir Mir”, e parlerà del suo cammino di conversione, iniziato nel 1997 in occasione del suo primo viaggio a Medjugorje, la cittadina della Bosnia-Erzegovina dove, da oltre trent'anni, apparirebbe la Madonna ad alcuni veggenti. Dopo quel viaggio Letizia si è avvicinata sempre più alla fede cattolica, ponendosi un obiettivo importante: far conoscere Dio e Gesù a più persone possibili grazie alla musica e al canto, doni che vuole mettere al servizio del prossimo. Infatti il suo album non nasce per fini di lucro ma con lo scopo di evangelizzare attraverso canti di adorazione, di lode e di ringraziamento, di preghiera a Maria Vergine. Quest'anno poi per Letizia un appuntamento importante: la partecipazione al Festival dei Giovani, in programma dal 1 al 6 agosto a Medjugorje, che le permetterà di far apprezzare la sua voce a ragazzi provenienti da tutto il mondo.
La serata di sabato si concluderà poi con l'esibizione del gruppo folk di Marconia “ L Guagliun pu cupa cupa”.
Domenica la santa messa sarà celebrata, sempre in piazza Padre Minozzi, alle ore 19.

Concluderanno la serata e i festeggiamenti l'esibizione della cantante Graziachiara Melissa e, a seguire, quella della Mango Tribute Band. 

Gli eletti in Consiglio comunale

POLICORO - Enrico Mascia (centro sinistra) è il nuovo sindaco della città di Policoro. Con la sua vittoria al ballottaggio del 25 giugno gli eletti sono:

Enrico Mascia (indipendente)
Pd
Gianluca Marrese
Domenico Ranù
Valentina Celsi
Teresa Carretta
Enzo Celano

Uniti per Policoro
Tommaso Buono
Maria Teresa Prestera
Bendetto Gallitelli

Alleanza di centro
Giuseppe Montano

Casa dei moderati
Pasquale Carrera

Liste collegata a Gianni Di Pierri

Gianni Di Pierri

Policoro Futura
Giuseppe Maiuri

Policoro Ideale
Carmine Agresti

Liste collegate a Rocco Leone (centro destra)
Rocco Leone

Avanti
Enrico Bianco

Fi
Gianluca Modarelli

Enrico Mascia neo sindaco di Policoro



 POLICORO - Nella notte tra il 25 e 26 giugno si è chiuso lo spoglio del ballottaggio per l'elezione del sindaco della città jonica. A vincere è stato il candidato di centro sinistra, Enrico Mascia, che ha ottenuto 4592 voti,, 131 in più del sindaco uscente di centro destra Rocco Leone.